La pizza

La pizza del futuro: cottura e regolazione in modalità wi-fi

 
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me

Il nostro paese è da sempre ricordato come una nazione ricca di tradizioni e  gusto. Il piatto più celebrato a livello mondiale è la pizza. Nata nel 1889 a Napoli è un piatto ideato in onore della regina margherita di Savoia. Con i suoi ingredienti semplici in due secoli di storia, è diventato il piatto più celebrato a tavola. Con farina, acqua, sale e lievito si crea un panetto, che una volta lievitato viene steso e condito con mozzarella , olio e pomodoro. La sua tradizione vanta oltre due secoli di storia, oggi viene prodotta e realizzata in ogni angolo del globo terrestre. Dai maestri pizzaioli ai ristoranti, sino alle case italiane, la pizza si appresta a vivere un futuro tecnologico, con la cottura, regolazione e temperatura automatiche, un mondo gustoso 4.0.

La tecnologia e il futuro della pizza

La trasformazione e l’innovazione digitale ha invaso tutti i campi gastronomici. Gli chef moderni dispongono delle migliori apparecchiature per lavorare in semplicità e in velocità. Grazie alla rete possiamo connettere i telefonini anche alle macchine che ci aiutano a cucinare. Anche il mondo dei maestri dei pizzaioli si avvale delle nuove tecnologie. Connettendo i forni professionali, a tablet , celluari o pc, possibile gestire la temperatura, la cottura , la gradazione e la rotazione della pizza. Questa utility, gestita in modalità wi-fi,  permetterà cosi di controllare da remoto le fasi di cottura garantendo la produzione e la gestione di più pizze contemporaneamente. Un nuovo metodo che vedremo in futuro prossimo e che garantirà agli chef una maggiore e migliore metodologia di lavoro.

Please follow and like us:
Pin Share
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Sergio Cimmino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *