Lazio, Sarri dopo la Juventus: “Risultato bugiardo e il Mondiale mi fa…”

 

Maurizio Sarri dopo la sconfitta per 3-0 subita contro la Juventus non si perde d’animo, convinto che la sua squadra stia facendo un campionato importante e che questo si tratti solamente di un piccolo incidente di percorso. Poi fa di nuovo una dichiarazione sul Mondiale in arrivo, del quale non è proprio un fan. Ora arriva la sosta poi la Lazio, in piena corsa Champions, potrà continuare il suo percorso finora positivo.

Le parole di Sarri

La sconfitta contro la Juventus non va giù a Maurizio Sarri che dichiara: “Per 40′ abbiamo fatto bene, senza rischiare e senza concedere la partita alla Juve. Il primo gol è stata la svolta del match, loro si sono chiusi nei 30 metri e trovare spazi senza riferimenti davanti è difficile. Il 3-0 è largo, la Juventus ha meritato, ma il risultato è bugiardo. La colpa comunque è nostra che abbiamo regalato delle reti. La Juventus difende bassa, mi aspettavo questo tipo di partita, soprattutto se fossero andati in vantaggio, potevo avere dubbi sui riferimenti offensivi, ma mi aspettavo questa partita. Come mentalità avere tanti piani non mi piace, vorrei averne uno funzionante e da portare fino in fondo, poi nel corso della partita le cose cambiano. L’impressione è che quando a questa squadra mancano due o tre giocatori va in difficoltà. Il bilancio è buono, siamo in zona Champions ed è onorevole, siamo soddisfatti, ma non ci dobbiamo accontentare. La sosta fa bene a tutti in questo momento, siamo a corto di energie nervose, mentali e con infortunati. Questo è colpa dell’assurdo calendario di quest’anno. Il Mondiale non so neanche se lo guarderò vista l’incazzatura che mi ha provocato questo calendario stilato per andare a giocare in Qatar”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Andrea Milano