Lou Reed

Lou Reed, un archivio alla New York Public Library

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Lou Reed, un archivio di musica, carte, foto e disegni dall’enorme valore è disponibile alla New York Public Library.

Perchè in fondo New York era la città preferita dell’artista americano e non poteva essere altrimenti…

Laurie Anderson, che del cantante fu la moglie dal 2008 al 2013, ha raccontato così al New York Times che Lou Reed non aveva mai detto cosa sarebbe dovuto succedere a tutto questo materiale dopo la sua morte.

E’ stata quindi una scelta ponderata nel tempo quella di rendere disponibile l’archivio a nuove generazioni di musicisti che potranno così conoscere a fondo il genio di Lou Reed.

Lou Reed – l’archivio

Si parla di tutto ciò che Lou Reed ha creato dal 1958 fino alla sua morte avvenuta nel 2013.

Si potranno quindi ascoltare registrazioni della sua prima band ai tempi della Freeport High School, The Shades, fino ad arrivare alle sue ultimissime incisioni.

Un patrimonio davvero inestimabile, un vero tesoro per chiunque voglia approcciarsi alla musica.

Tra i fan del cantautore, poeta e fotografo newyorkese David Bowie (con cui collaborò per diverso tempo), i Duran Duran e persino il cardinale Gianfranco Ravasi.

Il nome di Lou Reed inoltre è indissolubilmente legato anche a quello del gruppo che fondò insieme a John Cale.

Il full lenght “The Velvet Underground & Nico” è stato infatti giudicato uno dei più influenti dell’intera storia del Rock.

C’è persino chi dice che chiunque l’abbia ascoltato almeno una volta ha poi fondato una band…

Fra le canzoni incluse in esso si trovano inoltre “Femme Fatale”, “Heroin” e “The Black Angel’s Death Song”.

L’archivio donato da Laurie Anderson è di certo qualcosa di davvero unico…

Oltre 600 ore di musica, di puro virtuosismo sonoro che nella sua semplicità ha saputo appassionare intere generazioni.

Tra di esse anche gioielli come demo insieme a John Cale, rehearsal dall’album “Magic and Loss” (uno dei migliori della sua carirera), versioni mix di “Sally Can’t Dance” e tanto altro…

Lou Reed – la tessera speciale della Library for the Performing Arts

La Library for the Performing Arts ha deciso quindi di celebrare l’apertura dell’archivio con una speciale card che sarà emessa in soli 6000 esemplari.

La tessera sarà però riservata a color che vivono, lavorano, vanno a scuola o pagano tasse nello stato di New York.

La memoria di Lou Reed non poteva essere onorata in modo migliore…

Tutti i posteri infatti saranno per sempre grati a lui e al suo genio per la sua preziosa opera.

[amazon_link asins=’B011EDHCQQ’ template=’ProductCarousel’ store=’technoblitzit-21′ marketplace=’IT’ link_id=’d8484a07-da02-46cc-b7cb-5229f411f71d’]

La foto nell’articolo è tratta dalla pagina Facebook ufficiale dell’artista.

 

 

 

Autore dell'articolo: Marco Vittoria