Mercato auto 2017 in crescita

Se il buongiorno si vede dal mattino, il 2017 potrebbe rappresentare un anno ricco di soddisfazioni per il mercato europeo dell’auto. Prendendo in considerazione il numero di immatricolazioni avvenute nel corso del mese di gennaio all’interno dell’Unione Europea, e aggiungendo Irlanda, Svizzera e Norvegia, è stata superata quota 1.200.000, con un incremento pari al 10.1%. A sorprendere è il fatto che tale incremento sia stato percepito in tutti gli Stati oggetto d’esame, ad eccezione di Svizzera, Slovacchia ed Irlanda.

Mercato auto: percentuali

Ottimi i dati relativi ai primi 5 mercati europei (Germania, Gran Bretagna, Francia, Italia e Spagna). Se nel mercato tedesco la crescita è del 10,5%, la Francia replica con un +10,6%, mentre la Spagna firma un ottimo 10,7%. Ancora migliori sono i risultati del mercato italiano, il cui incremento si è avvicinato alla quota del 16%. In Spagna, infine, si segnala un +10,7%, confermando il trend positivo iniziato ormai nel lontano 2013.

Osservando i dati, tuttavia, è possibile notare una differenza piuttosto marcata tra i Paesi situati nell’Europa del Sud e gli altri Stati. Nei primi, la crescita delle immatricolazioni è stata favorita dal fatto che la domanda in veicoli, molto lenta negli anni di crisi economica, abbia lasciato ormai spazio a nuovi acquisti.

In quei Paesi che non hanno dovuto fronteggiare politiche di austerità, invece, i risultati registrati prima della crisi sono già stati superati. In questo caso sono le innovazioni tecnologiche ad aver spinto ad investire i risparmi su nuove vetture. Dati che, oltre ad essere utili per i singoli automobilisti, vengono visti con interesse anche dall’acquisto di auto usate.

Considerando i diversi marchi, nel mese di gennaio il Gruppo Volskswagen ha visto incrementare le consegne del 10%, confermando una quota del 24,2%. Sul podio finiscono Psa, con il 10,1% (a gennaio ha registrato un +6,5%), e Renault, con il 9% (ottimo l’incremento del 10% nel primo mese del 2017). A seguire Ford (7% e 9,5 a gennaio) e Fca, quest’ultima trainata da Fiat, Lancia ed Alfa Romeo (solo Jeep ha visto un calo, del 5,6%).

A sorprendere, a gennaio, è stata Daimler (+14,3%), che è riuscita a sopravanzare Bmw.

Tre le numerose case produttrici asiatiche a prevalere è Toyota (+11,9% a gennaio). Precede Nissan, Hyundai, Kia e Volvo. Scendono, invece, Mazda (-9,1%), Jaguar Land Rover (-2,8%) e Honda (-8,1%).

Anche il mese di febbraio si è caratterizzato per un aumento delle vendite nel mercato auto, anche se a velocità ridotta. Sono state quasi 184.000 le vetture immatricolate per un incremento, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, pari al 6,2%.

Fiat risulta il marchio più venduto, con una crescita del 6,06%, e precede nell’ordine Volkswagen, Ford, Renault, Peugeot ed Opel.

Da segnalare anche le ottime performance di Toyota e Citroen, capaci di crescere ad un ritmo doppio rispetto alla media del mercato. A due cifre anche l’incremento di Kia, Nissan, Suzuki ed Honda.

Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: