Minestra con erbette e polpettine: un sapore 'antico'

Minestra con erbette e polpettine: un sapore ‘antico’

L’autunno si avvicina, una stagione che ci fa venire voglia di preparare piatti sostanziosi e “consolatori” per tutta la famiglia. Cosa c’è di meglio, dunque, di una buona minestra fumante cucinata con amore? La ricetta che propongo è antica, profumata, oserei dire “corroborante” per la varietà e la ricchezza degli ingredienti. In origine, infatti, le minestre venivano considerate piatti poveri, a base di sole verdure dell’orto,  solo in occasioni speciali venivano aggiunti altri ingredienti: in questa sono previste delle polpettine di carne e ricotta salata, oltre alla pasta.

Ingredienti per 4 persone

  • 200 g di pasta corta (ditali, conchigliette, maltagliati ecc)
  • 300 g di carne trita di manzo
  • 250 g di erbette
  • 60 g in tutto tra sedano, carota e cipolla tritati
  • 1 patata
  • un tuorlo d’uovo
  • 1 cucchiaio di pangrattato
  • 1 cucchiaio di parmigiano grattugiato
  • ricotta salata
  • prezzemolo
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
  • pepe

Preparazione

Tritate finemente sedano, carota e cipolla, fateli rosolare con un filo d’olio in una larga casseruola. Appena il trito imbiondisce unite le erbette mondate, lavate e tritate grossolanamente, insieme alla patata sbucciata e tagliata a piccoli dadini. Bagnate con un litro e mezzo d’acqua bollente, aggiustate di sale e poi cuocete per circa 20 minuti, a fiamma media e pentola semicoperta. Intanto, in una scodella, mescolate la carne trita insieme al tuorlo d’uovo, il pangrattato, il parmigiano, il prezzemolo tritato, sale e pepe. Con l’impasto ottenuto formate delle piccole polpettine, grandi più o meno come una noce, e allineatele via via in un vassoio.

Una minestra dal sapore antico

A questo punto, unite la pasta alle verdure in ebollizione. Cuocete a pentola scoperta per il tempo indicato sulla confezione (di norma tra gli 8 e i 10 minuti), inserendo a metà cottura le polpettine. Aggiustate di sale se necessario, versate ancora un filo d’olio, spegnete il fuoco e servitela caldissima, cosparsa in superficie di ricotta grattugiata. Si può sostituire quest’ultima con del parmigiano, se preferite.

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Autore dell'articolo: Rosa Pullano