Miscelare i vaccini contro il Covid-19 aumenta l'efficienza?

Miscelare i vaccini contro il Covid-19 aumenta l’efficienza?

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

I ricercatori nel Regno Unito hanno lanciato uno studio che mescolerà e abbinerà due vaccini Covid-19 nel tentativo di facilitare la logistica dell’immunizzazione di milioni di persone e potenzialmente aumentare le risposte immunitarie nel processo.

La maggior parte dei vaccini contro il coronavirus viene somministrata come due iniezioni: una dose iniziale “principale” seguita da una “spinta” per stimolare le cellule di memoria del sistema immunitario e amplificare la risposta immunitaria. La sperimentazione clinica metterà alla prova le risposte immunitarie dei partecipanti alla ricezione di un iniezione di un vaccino contro il coronavirus prodotto da Oxford e dalla società farmaceutica AstraZeneca e il vaccino prodotto dalla società farmaceutica Pfizer.

Gli sviluppatori di vaccini spesso combinano due vaccini per combattere lo stesso agente patogeno. Per questo motivo, arriva l’idea di provare la stessa cosa anche con il vaccino contro il Coronavirus. I regolatori europei per la protezione contro l’ebola ha approvato una combinazione eterologa di potenziamento primario lo scorso anno. I vaccini sperimentali contro l’HIV sfruttano proprio questo principio. 

Miscelare i vaccini contro il Covid-19: cosa potrebbe succedere?

La capacità di combinare i vaccini potrebbe rendere i programmi di vaccinazione più flessibili. In pratica accelererebbe il processo e ridurrebbe l’impatto di eventuali interruzioni della catena di approvvigionamento. “Rende davvero l’implementazione molto più semplice“, ha affermato Mary Ramsay, responsabile dell’immunizzazione presso Public Health England, in una conferenza stampa il 3 febbraio.
Oxford ha affermato che sperimenterà anche combinazioni del suo vaccino Covid-19 con quello russo, lo Sputnik V. Quest’ultimo utilizza virus innocui per trasportare componenti del coronavirus nelle cellule. Lo Sputnik V, che questa settimana ha dimostrato di avere un’efficacia superiore al 90% contro il Coronavirus, è esso stesso un vaccino prime-boost eterologo, costituito da diversi componenti virali nella prima e nella seconda dose.
Alcuni ricercatori pensano anche che la combinazione di due vaccini potrebbe rafforzare le risposte immunitarie sfruttando le migliori caratteristiche di ciascuno. Ciò risulterebbe particolarmente desiderabile ora che gli sviluppatori di vaccini combattono varianti del coronavirus che sembrano essere parzialmente resistenti a determinate risposte immunitarie, afferma Barouch. “Risulta possibile che le risposte possano migliorare ciò che entrambi i vaccini possono ottenere da soli“, afferma Barouch. “Ma questo resta da dimostrare sperimentalmente per il Covid-19“.

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com