OMS sul coronavirus

OMS sul coronavirus: “Possiamo fermare la diffusione dell’epidemia”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La diffusione dell’epidemia può essere bloccata: questo l’annuncio dell’OMS sul coronavirus, che nel 99% dei casi ha colpito in Cina.

Mentre il numero delle vittime del coronavirus è prossimo a 500 e gli infetti hanno superato la quota 24300, l’OMS sul coronavirus ha fatto sapere che non si tratta di pandemia. Infatti, il virus non si è ancora diffuso in tutto il mondo. Secondo gli esperti, fuori dalla Cina ci sono solo 176 casi di contagio. Per questo, l’OMS ritiene che la situazione non peggiorerà. Al contrario, ci sarebbe la possibilità di arginare la diffusione del coronavirus.

La reazione dei governi alla dichiarazione dell’OMS sul coronavirus

I governi del mondo rimangono scettici rispetto a quanto dichiarato dall’OMS sul coronavirus. Londra, Berlino e Parigi hanno consigliato ai propri connazionali che si trovano in Cina di partire. Sono circa 30 mila i britannici attualmente su suolo cinese, a cui è stato consigliato di tornare in patria per evitare il rischio di contagio. Inoltre, i cittadini britannici potrebbero avere assistenza ridotta in caso di bisogno, perché la Gran Bretagna sta riducendo il numero di personale all’interno dell’ambasciata. Anche Parigi e Berlino hanno condiviso le preoccupazioni di Londra, ma Pechino ha risposto che le dichiarazioni di alcuni governi internazionali risultano eccessive e non in linea con le raccomandazioni dell’OMS sul coronavirus.

Nuovi contagi in Giappone, a Singapore e a Hong Kong

Nel frattempo. Singapore, Malesia e Thailandia hanno annunciato la presenza di persone infettate dal coronavirus, pur non essendo mai state in Cina. Per questo, Hong Kong ha disposto la quarantena per i visitatori provenienti dalla Cina. Il periodo durerà 14 giorni e servirà a contenere i casi di contagio, che ammontano attualmente a 21. La misura è stata attuata in risposta alle proteste del personale medico, che aveva chiesto di chiudere la frontiera per evitare la diffusione dell’epidemia.

Stabili le condizioni dei coniugi cinesi ricoverati allo Spallanzani

Oltre le dichiarazioni dell’OMS sul coronavirus, fanno ben sperare le condizioni dei turisti cinesi ricoverati a Roma. La coppia ha superato la notte, dopo un aggravamento nella giornata di ieri. La crisi, tuttavia, potrebbe essere parte del normale decorso del virus. Attualmente, i coniugi sono ancora ricoverati nel reparto di terapia intensiva dell’istituto immunologico Spallanzani di Roma.

Fonte immagine: blueplanetheart.it

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24