pace fiscale: ci saranno tre scaglioni

Pace Fiscale, ecco come dovrebbe funzionare: previsti tre scaglioni

intopic.it feedelissimo.com  
 

La pace fiscale è uno dei temi più discussi del piano del nuovo governo. Tutti attendono di sapere come verrà applicata. Il sottosegretario alle Infrastrutture Armando Siri (Lega) ha fatto chiarezza sulla questione.

Pace fiscale: tre scaglioni

Stando alle dichiarazioni di Armando Siri, “la pace fiscale potrebbe comportare tre scaglioni di pagamento al 6%, al 10% e al 25% a seconda della posizione patrimoniale e reddituale del contribuente che ne fa richiesta“. Secondo il piano previsto dal governo ad esempio l’aliquota del 6 per cento potrebbe essere riservata ai contribuenti monoreddito con un figlio minorenne a carico. La pace fiscale è uno dei punti fermi del governo, ma, al momento, non si è riusciti a trovare un accordo che accontentasse M5S e Lega. Come ha spiegato Siri “non abbiamo intenzione di fare passi indietro”. Il sottosegretario è stato chiaro anche con chi ha affermato che l’idea del governo sia una mossa pro evasori fiscali.  “Non abbiamo intenzione di fare passi indietro. Per noi è saldo e stralcio delle posizioni di chi non riesce a fare fronte ai pagamenti di Equitalia. Non vogliamo compromessi tecnici“. Non vi sarà, quindi, nessun accordo con gli evasori, ma si tenderà una mano a chi è in regola con la dichiarazione dei redditi e non ha risorse per pagare perché ha difficoltà economiche.

Quando sarà approvata?

Il Documento Programmatico di bilancio sulla pace fiscale dovrebbe approdare lunedì sul tavolo di governo. Secondo quanto riferito da fonti ministeriali, il Consiglio dei ministri sarà alle 18. Qui verranno limati gli ultimi dettagli. Come ha dichiarato Salvini: “In settimana potrebbe esserci la chiusura della manovra dopo che avremo portato il dl fiscale in Cdm lunedì”. La notizia è stata confermata anche dall’altro vice premier Di Maio su facebook: “Lunedì approviamo in Consiglio dei ministri la legge di bilancio. Poi ci saranno almeno tre letture in Parlamento, tra Camera e Senato: lì si potranno aggiungere nuove cose, che spero siano il frutto del lavoro che faremo insieme”.

 

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Davide Luciani