Percepivano irregolarmente il reddito di cittadinanza, stanati 5.000 furbetti

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ROMA – Percepivano irregolarmente il reddito di cittadinanza tra Campania, Puglia, Abruzzo, Molise e Basilicata. Stanati 5.000 furbetti. Tra loro c’erano anche possessori di Ferrari, barca, molteplici appartamenti, un autonoleggio con 27 auto, una scuola di ballo. E c’è persino chi si è inventato di avere dei figli. I controlli sono stati eseguiti tra il 1° maggio e il 17 ottobre dai carabinieri per verificare la reale sussistenza dei requisiti da parte dei percettori del reddito di cittadinanza.

Sono 4.839 le irregolarità riscontrate, il 12% dei 38.450 nuclei familiari controllati per un campione di 87.198 persone. Ben 1.338 percettori indebiti del reddito erano già noti alle forze di polizia per altri motivi e 90 di loro hanno condanne o precedenti per gravi reati di tipo associativo. Quasi 20 milioni di euro l’ammontare della cifra complessiva indebitamente percepita.

Percepivano irregolarmente il reddito di cittadinanza, stanati 5.000 furbetti

Secondo l’Inps allo scorso 30 aprile risultavano percettori del sussidio in Campania, Puglia, Abruzzo, Molise e Basilicata 387.076 nuclei familiari. I carabinieri hanno controllato i requisiti di 87.198 soggetti appartenenti a 38.450 famiglie beneficiarie (9,9% del totale). Nel corso delle operazioni sono state riscontrate 4.839 irregolarità (pari al 12,6% dei controlli effettuati) e deferite in stato di libertà all’autorità giudiziaria 3.484 persone (9,1% rispetto al numero dei nuclei familiari controllati).

Di questi ultimi, il 38,4% sono soggetti già noti alle forze di polizia, tra cui il 2,6% (90) gravati da condanne o precedenti per reati associativi. L’azione di contrasto ha evidenziato che, nel periodo e nel territorio controllati, le irregolarità riscontrate hanno generato 19.112.615,72 di euro percepiti indebitamente. Tra i soggetti deferiti nell’intera operazione, il 60,2% sono uomini (2.097) e il restante 39,8% sono donne (1.387). Inoltre, il 59,4% dei deferiti sono cittadini italiani (2.071), mentre il restante 40,6% di nazionalità straniera (1.431).

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24