Prestiti per PMI, il futuro parla 100% digitale

Prestiti per PMI, il futuro parla 100% digitale

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il futuro è sempre più digitale e lo dimostra il fatto che, nell’ultimo periodo, sono nati diversi prestiti per le piccole e medie imprese basati al 100% su piattaforme online. Questo è, oggi più che mai, il segno dei tempi che cambiano.

Si sente la necessità di andare a dare delle risposte più rapide e precise a coloro i quali chiedono credito per mandare avanti le proprie attività. Che si tratti di richieste avanzate per fronteggiare delle difficoltà o, ancora, pensate da chi desidera ingrandire la propria impresa, quello che conta è la possibilità di ottenere una risposta, e quindi liquidità, in tempi brevi.

Tutto ciò è stato spiegato molto bene da Marco Bragadin, CEO di ING Italia, che ha spiegato il prodotto della banca nato proprio per soddisfare le esigenze di cui sopra. Si sta parlando di ING Prestito Arancio Business, uno strumento fondamentale per tutti quegli imprenditori che chiedono credito per innovare o per rimettere in piedi la propria attività.

Il CEO ha, quindi, spiegato in che modo questa tipologia di credito alle piccole e medie imprese può rivelarsi utile. Probabilmente, al momento, in pochi riconoscono la validità di un prestito interamente gestito e gestibile online, come quello proposto da ING.

Il mercato delle PMI conta un potenziale pubblico composto da circa 4 milioni di utenti, tutti molto attivi e dinamici, che operano in diversi settori e che hanno, però, delle esigenze comuni per alcuni aspetti specifici

Le ricerche di mercato che sono state portate avanti negli ultimi anni hanno dimostrato che gli imprenditori di oggi hanno bisogno di accedere alla banca quando lo ritengono opportuno, senza file e orari di apertura e chiusura degli sportelli da tenere presenti. Inoltre, hanno bisogno anche di avere a propria disposizione delle risposte che arrivano in poco tempo. Per questo, ma anche per altri motivi, ING ha deciso di portarsi avanti con i tempi, proponendo a tutti i suoi potenziali clienti che posseggono delle piccole e medie aziende la possibilità di accedere a un prestito 100% digitale.

Si tratta, come detto di Prestito Arancio Business, che è stato pensato proprio per venire incontro a chi ha le esigenze di cui sopra.

Come sottolinea Bragadin, ING fa parte di un grande gruppo internazionale tant’è che per la realizzazione di questo prestito digitale sono state prese in considerazione e analizzate tutte le esperienze simili che sono state già vissute in altri paesi europei.

In questo modo è stato possibile fare i conti con la realtà dei fatti, andando a capire gli aspetti positivi da riproporre e quelli negativi da rimodulare. Proprio così è nato il prestito digitale che fa al caso di tutti coloro i quali hanno un progetto di rinnovamento o ingrandimento della propria attività, ma anche per chi deve fronteggiare un periodo di difficoltà economica.

Alla base di tutto c’è l’idea di voler aiutare il cliente, concedendo, dopo le normali verifiche che avvengono nel giro di qualche giorno, una linea di credito. Grazie a soluzioni di questo tipo, interamente digitali, sarà possibile conoscere quello che è l’importo finale del finanziamento in pochi minuti. Si possono ottenere sino a un massimo di 100.000 euro a seconda dei casi.

I tempi cambiano e, con essi, anche le necessità e le tecnologie che servono per assecondarle. Lo dimostra proprio il fatto che alcune banche hanno deciso di lanciare dei prodotti finanziari che siano in grado di aiutare in maniera concreta chi si è messo in proprio e ha bisogno di un supporto esterno.

Autore dell'articolo: Cesare Di Simone

Passione sfrenata per tutto ciò che è tecnologico utente di lungo corso Android e sostenitore di tutto ciò che è open-source e collateralmente amante del mondo Linux. Amante della formula uno e appassionato dell'occulto. Sono appassionato di oroscopo mi piace andare a vedere cosa dicono le stelle quotidianamente.