Proporzionale: Franceschini, “Il bipolarismo non ha funzionato”

Proporzionale: Franceschini, “Il bipolarismo non ha funzionato”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ROMA – Proporzionale fase bis? Nella sede del gruppo del Pd a Montecitorio si danno appuntamento i big del Pd invitati da Matteo Orfini a discutere della proposta dell’associazione Left Wing di rilanciare la legge. Emerge una convergenza a proporre questa riforma a tutte le altre forze politiche, pur sapendo che il tempo verso la fine della legislatura stringe e che nel centrodestra ci sono almeno due forze, Lega e Fdi, decisamente contrarie a questa ipotesi.

“Il Pd è nato per il maggioritario – ricorda Dario Franceschini – ma dobbiamo prendere atto che il bipolarismo non ha funzionato. Il buon senso e la politica ci impongono di adeguare il sistema alla realtà. L’obiettivo non facile – spiega senza tanti giri di parole – è spiegare ai nostri avversari che gli conviene, anche se sono convinti che senza cambiare nulla vinceranno, perché non è detto che sia così. Il mondo del 2023 non è quello del 2019, è cambiato il quadro e anche la popolarità dei leader. Se votiamo con questa legge ci sarà una maggioranza risicata”.

Proporzionale: Franceschini, “Il bipolarismo non ha funzionato”

Secondo il ministro della Cultura, dopo “la fase della trattativa e degli incontri” bisognerà “mettere Forza Italia di fronte a una scelta aperta in Parlamento e sarà importante arrivarci con un Pd unito attorno al segretario”.

Anche Nicola Zingaretti, da tempo sostenitore del proporzionale, assicura che “non rinunciamo al campo largo ma se rimane il maggioritario si creeranno alleanze costrette con proposte non credibili. A questo punto, però, serve una cronologia perché siamo alla vigilia delle elezioni”, conclude il presidente della Regione Lazio, ex segretario nazionale del Partito Democratico.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24