Pullman non autorizzato, il Prefetto di Roma contro Bonucci e Chiellini: “Sono ancora amareggiato dalla mancanza di rispetto che…..”

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

In queste ultime ore ha fatto molto discutere la parata trionfale della Nazionale italiana avvenuta sul pullman scoperto per il centro di Roma, una sfilata che in realtà non è stata autorizzata dalle autorità che aveva negato la richiesta della FIGC. Come ipotesi era stato proposto di montare una pedana in Piazza del Popolo per far salire i giocatori che avrebbero festeggiato con i tifosi, ma anche questa soluzione era stata bocciata.

Molto duro il prefetto di Roma Matteo Piantedosi che al quotidiano Nazionale “Corriere della Sera” ha usato toni molto duri, soprattutto contro i veterani Bonucci e Chiellini:

PERMESSO NEGATO: “Avevamo negato il permesso a festeggiare la vittoria dell’Italia agli Europei sull’autobus scoperto, ma i patti non sono stati rispettati». La linea era stata concordata con il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e il capo della polizia Lamberto Giannini, venerdì scorso. “La Figc chiedeva di consentire agli atleti della Nazionale di fare un giro per Roma su un autobus scoperto, ma è stato spiegato chiaramente che non era possibile e che non potevamo autorizzarli. Dovevamo gestire il passaggio dal Quirinale a Palazzo Chigi cercando di conciliarlo con le esigenze di sicurezza legate alla pandemia e dunque evitare in ogni modo assembramenti“.

FEDERCALCIO: “La Federcalcio aveva pensato di utilizzare una pedana da montare in piazza del Popolo, in pieno centro a Roma, dove far salire i giocatori per festeggiare con i tifosi. Poi il dietrofront: «Abbiamo pensato che avrebbero fatto fermare i giocatori davanti a Palazzo Chigi dopo l’incontro con il presidente del Consiglio Mario Draghi. Ci avevano assicurato che il trasferimento sarebbe avvenuto con un autobus coperto. Invece poco dopo l’uscita dal Quirinale si è aggregato un autobus scoperto con la livrea e le scritte dedicate ai campioni d’Europa”.

BONUCCI-CHIELLINI: “Mi risulta che Chiellini e Bonucci hanno rappresentato con determinazione il loro intendimento al personale in servizio d’ordine; a quel punto non si è potuto far altro che prendere atto della situazione e gestirla nel miglior modo possibile. Sono ancora amareggiato dalla mancanza di rispetto che c’è stata per il grande impegno della questura e di tutte le forze di polizia durante tutto il periodo degli europei e per la preparazione di questa festa. Mi auguro che l’Italia l’anno prossimo vinca i Mondiali per avere gli stessi festeggiamenti: tratteremo direttamente con i calciatori“.

Autore dell'articolo: Andrea Riva