Renzi: Italia spettatrice nel Mediterraneo

Renzi: “Italia spettatrice nel Mediterraneo”

ROMA – Durissimo Matteo Renzi: “Italia spettatrice nel Mediterraneo”. Il leader di Italia Viva critica il fatto che il nostro Paese assista “non da protagonista” a ciò che sta accadendo:

“Questa è una sconfitta per tutti – afferma l’ex premier – La politica estera di un Paese si fa con il lavoro quotidiano, durissimo, non con una photo opportunity”.

Renzi: “Italia spettatrice nel Mediterraneo”

Matteo Renzi scrive nell’Enews quanto segue:

“Nel progressivo disimpegno Usa e nel clamoroso silenzio europeo, i soggetti che stanno giocando un ruolo decisivo sono sempre più Russia e Turchia. E la cosa è inquietante soprattutto per il ruolo strategico che il Mediterraneo ha sempre avuto e sempre avrà nella politica italiana”.

E ancora:

“Le tensioni tra Stati Uniti e Iran sono molto preoccupanti ma personalmente sono molto più preoccupato per l’atteggiamento turco nel Mediterraneo e in Libia”.

Secondo il fondatore di Italia Viva, il Mediterraneo e la Libia sono cruciali per l’Italia “non solo per l’immigrazione, non solo per il petrolio, non solo per il business”. Nei giorni scorsi anche il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, si è detto preoccupato per l’escalation in Medio Oriente.

Di Maio parla da Algeri

Sull’argomento si è espresso infine il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, che – dopo aver già detto la sua sulla crisi in Iran – parlando da Algeri ha dichiarato questo:

“In Libia ci sono interferenze da parte di Stati esterni: dobbiamo trovare una soluzione con l’Ue in modo da fare adottare un embargo sulle armi. La Libia è un problema di sicurezza nazionale che affrontiamo con tutte le nostre forze”.

Il ministro Di Maio, che ha avuto inoltre un vertice con Conte sulla crisi in Libia, ha poi concluso:

“Spingeremo perché si individui il prima possibile una data per la conferenza di Berlino. Dobbiamo mettere tutti gli interlocutori intorno a un tavolo e trovare una soluzione”.

Autore dell'articolo: Elena De Lellis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − 11 =