Roberto Formigoni va in carcere

Roberto Formigoni va in carcere: caso San Raffaele

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Roberto Formigoni va in carcere a Bollate

Roberto Formigoni va in carcere. Questa mattina, l’ex governatore della Regione Lombardia è entrato di sua spontanea volontà presso la casa circondariale di Bollate. L’uomo politico, in carica dal 1995 al 2013 è stato condannato in via definita dalla Cassazione ad una pena di 5 anni e 10 mesi per il caso: Maugeri – San Raffaele. Il Sostituto Procuratore Generale di Milano, Antonio Lamanna ha firmato oggi stesso alle 9.30 l’ordine di esecuzione della pena. I carabinieri hanno tentato di notificargli il mandato di arresto direttamente al suo Domicilio. Ma non lo hanno trovato. Formigoni è arrivato in carcere accompagnato dai suoi legali: Mario Brusa e Luigi Stortoni. Poi, è entrato dalla porta Carraia avviandosi verso l’ingresso senza fermarsi. La direzione carceraria ha avviato le procedure di detenzione e accoglimento.

Formigoni va in carcere: Le pratiche di ingresso presso la struttura

Formigoni va in carcere. Il personale della struttura penale ha rinviato presso l’ufficio Matricola il nuovo carcerato, predisponendo anche la perquisizione dei suoi effetti personali. Inoltre, il medico della casa circondariale ha già programmato una visita medica per l’ex uomo politico di Forza Italia. La procedura dovrebbe terminare entro le ore 12:00. Al momento, le autorità non hanno reso noto, in quale parte del complesso alloggerà Roberto Formigoni. ” Per lui, individueremo la soluzione più idonea”: Ha spiegato la direttrice del carcere di Bollate, Cosima Buccoliero.

Formigoni in carcere: Ma gli avvocati presentano istanza per i domiciliari

I legali di Roberto Formigoni, condannato per corruzione nel caso Maugeri, hanno presentato questa mattina, un’istanza di ordine di esecuzione. Gli avvocati del condannato hanno chiesto, che il loro assistito possa scontare la pena ai domiciliari. I consulenti di parte sostengono, che il loro assistito ne avrebbe diritto per sopraggiunti limiti di età, oltre i 70 anni. Inoltre, la cosiddetta legge” Spazzacorrotti” del nuovo Governo, non è applicabile a questo processo perché posteriore ai fatti  in oggetto. Il sostituto Pg Lamanna, però ha inviato l’istanza dei difensori di Formigoni alla Corte d’Appello . Quest’ultima,  infine dovrà decidere in merito alla vicenda.

Nuovo articolo su salute e benessere: Menopausa: un aiuto valido arriva dall’Agopuntura

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24