Salerno: diventa mamma a 55 anni, dopo un delicato intervento

Salerno: diventa mamma a 55 anni, dopo un delicato intervento

 

Incredibile ma vero, il caso di una donna di 55 anni a Salerno, che ha dato alla luce un bimbo. E’ accaduto presso l’Azienda ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona, dove qualche mese fa, la puerpera attempata ha partorito un bambino di 2,250 chilogrammi assistita dalle amorevoli cure dei medici:  Raffaele Petta, Venus Bonaiuto e Mario Polichetti del reparto gravidanze a rischio del nosocomio. La neo mamma, che voluto mantenere l’anonimato, era stata sottoposta qualche anno fa ad un delicato intervento chirurgico in laparoscopia, proprio all’apparato riproduttivo. Da tempo, infatti era affetta da fibromi cistici all’utero e per questo gli specialisti della struttura avevano deciso di asportarli. Tutto ciò però aveva indotto i dottori a credere di trovarsi di fronte ad una gravidanza a rischio, di qui la decisione di sottoporla a degenza presso il reparto specializzato, onde potere in questo modo controllare il corretto sviluppo del feto. Alla fine comunque è andato tutto bene, il bimbo e la madre visitati dopo il parto sono risultati entrambi in ottima salute.

Salerno  Mamma over 50, le dichiarazioni del primario del reparto di gravidanza a rischio presso il San Giovanni di Dio

Il dottore Raffaele Petta, primario del reparto: Gravidanze a rischio presso l’ospedale San Giovanni di Dio a Salerno, ha di recente spiegato in un ‘intervista rilasciata presso l’ansa, di essere ampiamente a conoscenza delle problematiche relative alle gravidanze intraprese in età avanzata.

Il luminare ha ribadito infatti: ” In questo caso ci trovavamo in presenza di una cosiddetta gravidanza palesemente a rischio, essendo stata la paziente sottoposta ad asportazione di diversi miomi uterini ( per via laparoscopica), nello specifico vi era la possibilità della rottura dell’utero e della morte del bimbo, con la funesta necessità nel caso di dovere asportare l’utero. Dopo attenta e accurata visita, abbiamo deciso infatti di prolungare il più possibile la gestazione, per evitare la nascita di un bambino prematuro. Siamo giunti così alla 35 esima settimana, momento in cui il feto non avrebbe avuto complicazioni gravi”.

Mamma oltre i 50 anni si puó ecco i precedenti

Sette anni fa nello stesso reparto, un medico di 57 anni partorì due gemelline Karol Pia e Adriana Cristina. Qualche anno fa invece una mamma di 54 anni partorì due gemellini entrambi in ottima salute.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24