Sochi-incontro-putin-assad-guerra-in-siria.jpg

Sochi, Assad incontra Vladimir Putin: campagna russa in Siria al termine.

intopic.it feedelissimo.com  
 

“La missione e quasi compiuta” è stato il messaggio di Vladimir Putin a seguito di un incontro a sorpresa con il leader siriano Bashar al-Assad a Sochi lunedì.

“Siamo ancora molto lontani per sconfiggere completamente il terrorismo”, ha affermato il presidente russo. “Ma per quanto riguarda il nostro lavoro … sul territorio siriano, l’operazione militare sta volgendo al termine”.

La visita di Assad in Russia è stata rivelata solo da una lettura pubblicata sul sito web del Cremlino martedì mattina. Secondo la dichiarazione, il leader siriano è stato presentato ai leader militari russi, che ha ringraziato per “difendere l’integrità territoriale del suo paese”.

Assad e Putin studiano piani militari a Sochi (Cremlino)

Putin ha detto che ora è previsto il passaggio alla politica per la “regolamentazione a lungo termine della Siria”. Questo nuovo regolamento politico dovrebbe rientrare sotto l’egida delle Nazioni Unite; Assad e “pronto a lavorare con tutti coloro che vogliono la pace”, ha affermato il presidente russo.

I due leader hanno discusso i dettagli del “Congresso del popolo siriano”, che è stato riprogrammato all’inizio di dicembre a Sochi. La conferenza, che comprenderà le forze democratiche siriane e altri gruppi, si sarebbe tenuta il 18 novembre.

La sorpresa dell’incontro di Sochi era apparentemente giunta su richiesta di Turchia e Iran.

“Abbiamo concordato con i nostri colleghi che avremmo intrapreso ulteriori consultazioni durante il nostro incontro personale”, ha detto Putin.

Un incontro con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il presidente iraniano Hassan Rouhani è stato organizzato per domani, mercoledì a Sochi. Avverrà poco dopo una conversazione telefonica con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

La guerra siriana si sta rivelando impopolare a casa. A differenza dell’Ucraina, la Siria rimane per molti russi in un luogo lontano. La metà dei russi ora ritiene che le operazioni militari in Siria debbano finire. Secondo un recente sondaggio del Levada Center, ben il 32% dei russi ritiene che potrebbe diventare un “nuovo Afghanistan”. Quella campagna di 10 anni ha esaurito l’Unione Sovietica ed è stato un fattore importante nel crollo dell’impero.

Le notizie relative all’aumento delle perdite russe – secondo quanto riferito sono 131 nei primi nove mesi dell’anno – hanno contribuito all’impulso per la fine dell’operazione russa.

Via

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
     
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24

Avatar