Infermiera, sospettata di aver ucciso fino a 60 bambini

Un infermiera di 66 anni, in Texas, è sospettata di aver ucciso fino a 60 bambini, ed e stata già accusata di omicidio per la morte di due di loro nel 1981, hanno detto i procuratori.

L’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Bexar ha detto mercoledì che l’infermiera, Genene Jones, è stata accusata per l’omicidio del 16 settembre 1981 di Rosemary Vega, 2 anni. Un altra denuncia a maggio ha accusato la signora Jones di aver ucciso un bimbo di 11 mesi, Joshua Sawyer, iniettando una sostanza tossica in alte dosi, il Dilantin, un farmaco anti-sequestro, nel dicembre del 1981 mentre lavorava nell’intensità pediatrica Nel centro medico di Bexar County.

La sig.ra Jones sta già svolgendo servizio sociale obbligatorio a Gatesville, Texas, per l’uccisione di un figlio e per averne ferito un altro. I registri della prigione e l’ufficio del procuratore distrettuale hanno affermato che nel 1984 una giuria della contea di Williamson l’ha condannata a 99 anni di carcere per la morte di una ragazza di 15 mesi, Chelsea McClellan. Lo stesso anno, un giudice della contea di Bexar ha condannato la signora Jones a 60 anni di carcere a causa di un infortunio a un bambino, avendogli iniettato a soli 4 settimane di vita, un eccessiva dose di sangue di eparina. Fu gravemente malato ma sopravvisse.

La signora Jones ha lavorato come infermiera in un ospedale del Texas negli anni ’70 e ’80 e le autorità sospettano che sia stata coinvolta nella morte di 60 bambini. Le sue prove nel 1984, con cui mantenne la sua innocenza, attirarono l’attenzione nazionale.

Accuse terribili per l’infermiera di 66 anni

Le nuove accuse arrivano in vista del rilascio obbligatorio previsto dalla prigione nel marzo 2018.
In un’intervista telefonica venerdì, l’avvocato distrettuale della contea di Bexar, Mr. LaHood ha detto che ha chiesto agli investigatori, di riesaminare il caso Jones. Le indagini si infiltrarono attraverso qualunque cartella clinica che avrebbero potuto trovare e intervistarono testimoni oculari, esaminando i registri dei bambini morti durante o dopo i tempi di spostamento.

“Era inconsapevole che fosse sospettata fino a 60 omicidi, e tutti sentivano di non poter fare nulla”, ha detto.

“La nostra intenzione è di accusarla per quante più morti di cui riusciremo a trovare le prove”, ha dichiarato Mr. LaHood. “Ma dobbiamo avere le prove importanti, quindi continueremo a lavorare all’interno dei limiti della legge per farlo. Ci occupiamo di un solo caso alla volta. Sono abbastanza fiducioso di non avere 60 accuse di omicidio su di lei, ma cercheremo di sforzarci al massimo per quanti più casi riusciremo a dimostrare”.

L’ufficio del procuratore distrettuale non ha fornito dettagli sulla morte di Rosemary Vega, che era nell’unità di terapia intensiva nel 1981, degente dopo un’operazione per la cura di un difetto cardiaco congenito. Ma Rosemary Cantu, la madre del bambino, ha detto in un’intervista pubblicata mercoledì da Texas Monthly e ProPublica che aveva visto la signora Jones mentre iniettasse qualcosa nella linea endovenosa di sua figlia poco prima che fosse entrata in arresto cardiaco.

Via

 
Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli di WebMagazine24
 
 

Articoli consigliati:


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24