studio autoptico su malati COVID

Studio autoptico su malati COVID: cattive notizie

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Amy Rapkiewicz, presidente del dipartimento di patologia del NYU Langone Medical Center, ha descritto le nuove scoperte, come “drammatiche”. Infatti in uno studio autoptico su malati COVID, è emerso che sono presenti coaguli di sangue in gran parte degli organi.

Studio autoptico su malati COVID: coaguli di sangue non solo nei polmoni

Una nuova ricerca dimostra che i pazienti affetti da coronavirus presentano coaguli di sangue, non solo nei polmoni, ma anche in “quasi tutti gli organi”. Questo quanto affermato, un patologo della New York University, giovedì alla CNN. Quando il virus fu scoperto per la prima volta, i medici pensarono che il COVID-19 fosse una malattia respiratoria come la polmonite.  Ma da allora hanno appreso che il virus può causare coaguli di sangue. Questi possono portare a problemi più gravi come ictus, insufficienza renale, infiammazione del cuore e complicanze del sistema immunitario.

In precedenza i medici avevano riferito che potevano verificarsi eccessivi coaguli di sangue nei grandi vasi sanguigni, nonché nei polmoni, nel cuore, nel cervello e nella pelle. Ma il nuovo studio suggerisce che i coaguli di sangue possono colpire anche i vasi sanguigni più piccoli. In merito a questa nuova “scoperta” è intervenuto Erin Burnett, affermando quanto segue:

“E questo è stato drammatico perché anche se ci saremmo aspettati nei polmoni, lo abbiamo trovato in quasi tutti gli organi che abbiamo esaminato nel nostro studio sull’autopsia”.

Lo studio dell’autopsia ha anche mostrato l’aspetto degno di nota di grandi cellule del midollo osseo chiamate megacariociti. Rapkiewicz ha affermato che queste cellule “di solito non circolano al di fuori delle ossa e dei polmoni”. Inoltre ha anche affermato:

“Li abbiamo trovati nel cuore, nei reni, nel fegato e in altri organi. In particolare nel cuore, i megacariociti producono qualcosa chiamato piastrine che sono intimamente coinvolti nella coagulazione del sangue.”

Dunque, i ricercatori potrebbero determinare la connessione tra le grandi cellule del midollo osseo e la coagulazione dei piccoli vasi sanguigni nel coronavirus.

Fonte foto: pixabay

Leggi anche I test che diagnosticano il COVID sono accurati?

Autore dell'articolo: Emanuela Acri

Grafica pubblicitaria, ha svolto gli studi all'Accademia di Belle Arti di Catanzaro e quella di Lecce, concludendo il percorso con il massimo dei voti. Appassionata di film horror e serie TV, collabora con alcuni siti online nella realizzazione di articoli di diversi argomenti,