Giornata politica 21 agosto

Giornata politica 21 agosto: Mattarella avvia incontri

Giornata politica di oggi 21 agosto: Mattarella avvia gli incontri con le cariche della Repubblica Italiana e con i gruppi politici

 

Roma, lì 21 agosto 2019 – Impegni ravvicinati per il Presidente della Repubblica a partire da oggi con una giornata politica all’insegna delle consultazioni.

🇮🇹 🗳️


La politica italiana sta vivendo dei giorni frenetici a causa di una crisi di Governo alquanto singolare. Gli attacchi verbali tra Luigi Di Maio, Giuseppe Conte e Matteo Salvini hanno aperto una crisi a corrente alternata; infatti la Lega per voce del vice-premier Salvini dichiara di voler togliere la spina a questo Governo e presenta la mozione di sfiducia al Presidente del Consiglio; ma, giunti alle comunicazioni di Conte al Senato, la Lega ritira la mozione. Dunque, alla fine, arrivano le dimissioni dirette di Giuseppe Conte per evidenziare la volontà di chiudere i rapporti con gli ex alleati leghisti. Ora è il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a tenere le redini del futuro della politica italiana.


Leggi di più a proposito di Giornata politica 21 agosto: Mattarella avvia incontri

No alla Procedura infrazione

No alla Procedura infrazione:spread giù, Borsa e Btp sù

Con il Decreto Legge arriva il no alla procedura infrazione: spread giù, Borsa Italiana e BTP sù. L’elezione di Dadid Sassoli dà fiducia.

Milano, lì 03 luglio 2019 – Nessuna procedura infrazione:spread giù, bene la Borsa Italiana ed anche il BTP.

 


Respirano i vertici del Governo Conte che hanno trovato la soluzione giusta per evitare la procedura d’infrazione. Così si alleggerisce la tensione sull’Italia, scende lo spread e salgono la Borsa Italiana e la quotazione del BTP decennale. L’elezione di David Sassoli a Presidente del Parlamento europeo rafforza la presenza italiana in europa e infonde fiducia per il futuro.


Leggi di più a proposito di No alla Procedura infrazione:spread giù, Borsa e Btp sù

Debito pubblico italiano cresce nel 2019 2018

Debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà

Il debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà la lettera di richiamo

 

Roma, lì 24/05/2019 – Ultime rilevazioni indicano che il debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà la lettera di richiamo ai vertici del Governo Conte.

 


Torna sul banco degli imputati il debito pubblico italiano, tra Roma e Bruxelles è gelo; infatti, se da una parte l’Europa ci impone di rispettare i patti dall’altra il Governo Conte confida nell’esito delle votazioni europee. Il commissario UE agli affari economici, Pierre Moscovici, tiene i toni bassi anche dopo l’impennata dello spread. A Roma sarebbe già dovuta arrivare la lettere da Bruxelles per la richiesta di informazioni sull’andamento del debito pubblico; quest’ultimo dato è visto in peggioramento ma per rispetto della campagna elettorale è tutto rimandato al dopo elezione. Dunque giugno sarà un mese caldo non tanto per questioni meteo ma soprattutto per i rapporti di convivenza con l’UE.


Leggi di più a proposito di Debito pubblico italiano cresce nel 2019, l’UE scriverà

Proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia

Proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia

Da Bruxelles arrivano le proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia: tra economia stagnante e recessione. Probabile default nel 2020 se il Governo Conte non stimolerà il PIL. Per Lega e Movimento 5 Stelle l’Europa non sa fare i conti ma Salvini e Di Maio fanno campagna elettorale in vista di elezioni anticipate. Dombrovskis affonda le banche italiane.

 

Bruxelles, lì 08/05/2019 – Ecco le proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia: male il 2019, crisi profonda nel 2020.

 


La Borsa italiana ancora in flessione: dopo il black Monday causato da Donald Trump arriva il gray Tuesday a seguito delle parole di Valdis Dombrovskis; infatti, le parole che arrivano dalla Commissione europea spaventano i mercati europei e penalizzano soprattutto Piazza Affari, che però oggi ha chiuso sostanzialmente piatta.


Leggi di più a proposito di Proiezioni Commissione europea su 2019 2020 Italia

Il governo Gentiloni tra legge elettorale e aumento dell'Iva

Elezioni anticipate e Iva: il governo non sa che pesci prendere

Alfano è stato il primo a dire no alle elezioni anticipate. Il secondo è stato Paolo Gentiloni. In un parlamento divenuto ingestibile e incapace di mettere a punto una #legge elettorale che permette “a tutti, belli e brutti” di sedere sulle poltrone del potere, il Presidente de Consiglio ha affermato che “il governo è nella pienezza […]