Tao Geoghegan Hart

Tao Geoghegan Hart: “Amo correre in Italia”. Tutti i dettagli

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Tao Geoghegan Hart inizia a pensare al proprio futuro. Il corridore della Ineos-Grenadiers è stato uno dei protagonisti al Giro d’Italia 2020. Si può dire che è stato il protagonista visto che ha conquistato un successo del tutto inatteso. La sua partecipazione doveva essere per aiutare Geraint Thomas e invece, il suo destino è stato completamente diverso. Questo successo consentirà allo stesso corridore di avere più possibilità e quindi maggior spazio anche nelle altre corse a tappe. Con l’addio poi di Chris Froome al team Ineos, Per Tao Hart ci sarà quindi un rivale un meno in squadra per il ruolo di leader nelle corse da tre settimane. Bisogna considerare però che nel team c’è anche il talento di Egan Bernal, Geraint Thomas e Richard Carapaz.

 

Tao Geoghegan Hart, le dichiarazioni del corridore

Il corridore Tao Geoghegan Hart ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport parlando della sua carriera che sarà sicuramente ancora molto lunga: “Spero dieci anni o anche di più”. Il corridore non ha ancora deciso quali saranno gli obiettivi della prossima stagione. Non è da escludere che rivedremo il neo vincitore dell’ultima maglia rosa, nella prossima edizione del Giro d’Italia targata 2021. Al riguardo, il corridore ha sottolineato: “Ho sempre amato correre in Italia, quindi sono sicuro che ci correrò molto l’anno prossimo. Penso decisamente ad un ritorno al Giro. Mi sono goduto le tre settimane di corsa e amo da sempre correre in Italia. E la cultura italiana, di cui riesco a trovare piccoli angoli qui a Londra. Decideremo con la squadra, mi piacerebbe tornare. La nuova stagione mi sembra ancora così lontana. Ne parleremo a gennaio, sperando di avere un calendario normale”.

Solo verso il mese di gennaio 2021 scopriremo i programmi del corridore e se parteciperà alla prossima edizione del Giro d’Italia 2021, ovviamente pandemia in corso e curva epidemiologica permettendo.

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu