Dinamo Sassari, Pozzecco

Dinamo Sassari, Pozzecco e le considerazioni su Polonara e Diop

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il coach della Dinamo Sassari, Pozzecco ha parlato ai microfoni di Dinamo TV affrontando diverse tematiche. In primis ha parlato della situazione attuale della sua squadra.

Sulla situazione in casa biancoblù: “Siamo stati costruiti con un’idea di giocare a pallacanestro in un determinato modo, ci vuole grande affiatamento e consapevolezza di quello che un compagno fa peggio e meglio: ci manca il background della preseason, ci vorrà del tempo che solo lo stare insieme e allenarsi insieme. Avrei dovuto snobbare completamente la Supercoppa, ma per uno sportivo diventa complicato snobbare una competizione che l’anno scorso avevamo vinto. Avrei dovuto gestire e le responsabilità in maniera diversa.  Noi penalizzati dal covid? Ha colpito tutti, è una penalità se non colpisse tutti. Ci sono state delle squadre che non sono state colpite, che magari giocano meglio, ma è una cosa che può colpire tutti. Il mondo della pallacanestro ha tanti problemi ma ho deciso che non mi riguardano più. D’ora in poi mi preoccuperò dei problemi che riguardano la mia Sardegna, la mia Dinamo e i miei ragazzi”.

 

Dinamo Sassari, Pozzecco: le considerazioni su Polonara e Diop

Pozzecco si è espresso anche su Polonara e Diop. Al riguardo ha dichiarato: “Achille ora è un giocatore straordinario, quando sono arrivato a Sassari era in una sorte di limbo: è esploso e ha migliorato la sua confidenza dimostrando di sapere giocare a qualsiasi livello. Diop? Prenderlo per farlo giocare poco, non aiuta a nessuno. Ero molto combattuto anche quest’anno. Siamo agli sgoccioli e penso che il prossimo anno giocherà con noi”. 

Infine su Justin Tillman ha chiosato: “Purtroppo è un caso particolare: ho un rapporto utile ed indispensabile ancora oggi con i miei giocatori ora a 48 anni, sono un punto di riferimento che vivi quotidianamente. Perderli entrambi a 23 anni nell’arco di un mese, penso sia una cosa che può condizionarti il presente. Justin ha grandissime qualità, sta un po’ pagando quello che è successo: non è una situazione semplice”. 

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu