Pozzecco presenta la sfida contro Trieste

Pozzecco presenta la sfida contro Trieste

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Pozzecco presenta la sfida contro Trieste in programma domenica 24 gennaio e valevole per la regular season. In conferenza stampa ha sottolineato: “Trieste vive una situazione analoga alla nostra. Ha una grande solidità, tifo appassionato, una società seria, ben organizzata con una struttura solida sia organizzativa sia economica. Di conseguenza domenica si affronteranno due club che hanno grande continuità e grande costanza. Noi dovremo fare la nostra pallacanestro indipendentemente dalla partita dello scorso anno o della sconfitta dell’andata. Nel discorso pre-gara a Istanbul ho chiesto ai ragazzi esattamente la stessa cosa, di non pensare al passaggio del turno ma alla nostra crescita che ad oggi è esponenziale. La vera differenza è che, rispetto allo scorso anno, siamo meno dipendenti dal quintetto e abbiamo giocatori che accettano il fatto di partire dalla panchina. Ci sono delle analogie con la Dinamo di due anni fa mentre lo scorso anno avevamo molto in panchina da Stefano Gentile, mentre quest’anno abbiamo un impatto diverso, con più giocatori non solo del quintetto che possono ergersi a protagonisti. Penso a un giocatore come Kruslin che sta giocando una pallacanestro di alto livello, è determinante al di là del minutaggio e un collante pazzesco o Toni Katic che sta dimostrando tutta la sua intelligenza cestistica. Questo rappresenta un valore aggiunto notevole”.

Pozzecco presenta la sfida contro Trieste, le parole su Ethan Happ

Alla Dinamo Sassari è arrivato un nuovo giocatore: Ethan Happ.

Al riguardo ha affermato: “Questo discorso secondo me è di buon auspicio rispetto all’inserimento di Happ, anche se sono convinto che è più difficile inserirsi in un contesto in cui la squadra sta giocando bene in attacco. E noi lo stiamo facendo estremamente bene come dimostrano i numeri con 90 punti a gara. Siamo convinti che Ethan sia l’uomo perfetto per una rotazione a tre con Gandini dietro ed eventualmente Treier che può giocare anche cinque. Non sarà semplice perché stiamo giocando bene ma conto enormemente sull’intelligenza di Ethan e dei suoi compagni di squadra che lo aiuteranno a inserirsi”.

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu

Avatar