Test formula 1

Test formula 1 allarme Ferrari

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Conclusi i test a Barcellona la Ferrari vola a Melbourne con poche certezze

Test formula 1 allarme Ferrari Binotto non crede nella rossa in partenza per l’Australia.

Sono terminati oggi a Barcellona i test per la formula 1 con la terza giornata della seconda settimana. Adesso tutto verrà imballato ed i team voleranno in Australia per il via della stagione a metà mese prossimo. Le scuderie hanno svolto tanto lavoro e molta era l’attesa in casa Ferrari per le prestazioni della SF1000. Il bilancio non è un granché positivo, anzi diversi problemi e mai un tempo veramente interessante. Solo oggi verso il finale della sessione qualche raggio di luce con un buon ritmo gara con gomme bianche. A mandare però nel panico il mondo ferrarista ci ha pensato però il direttore tecnico Mattia Binotto che ha dichiarato l’impossibilità di vittoria in Australia.

Troppi problemi di velocità ed aerodinamica. Molte vetture partono davanti in una virtuale griglia di partenza. Lo scorso anno la Ferrari dominò questi test passando per dominatrice della stagione ma la pista dimostrò un altra storia. Attenzione dunque a prendere come veritieri questo test prestazionali. Anche le altre scuderie hanno dovuto affrontare diversi problemi di affidabilità.

Test formula 1 allarme Ferrari o grande bluff?

Questa la domanda a cui solo la pista di Melbourne potrà dare una risposta. La speranza che tutti i tifosi della Ferrari hanno è di un grande bluff e vedere la situazione capovolta rispetto allo scorso anno. Qualche segnale in tal senso potrebbe esserci ed in molti ci credono. Al via del mondiale ci saranno sicuramente aggiornamenti e la velocità del motore Ferrari potrebbe non essersi ancora vista. Anche l’anno scorso il vero punto di forza è stato il propulsore della rossa. Nessuno è veramente in grado di sapere il vero potenziale dei rivali. Ferrari Mercedes e Redbull aspettano le prime prove ufficiali per capire chi e quanto dovrà recuperare. Manca poco al primo semaforo verde.

 

 

 

 

Fonte foto

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24