Tracciamento contagi

Tracciamento contagi, Apple e Google insieme

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Tracciamento contagi, Apple e Google insieme. Quella contro il Coronavirus è una battaglia che va fatta e vinta unendo ogni genere di forza

Ecco perché, per il tracciamento dei contagi, Apple e Google hanno deciso di remare nella stessa direzione; si tratta cioè di un progetto che aiuterà i governi a ridurre i contagi.

La tecnologia quindi contro il Codiv-19 sta dando un grande contributo, basti pensare alle visiere della Apple per medici e infermieri o al ruolo dei social per sentirci più vicini.

Questa volta la lotta è volta a limitare i contagi; a maggio infatti renderanno disponibili strumenti (Api) per gli sviluppatori e le società che stanno progettando le app per tutte le istituzioni mondiali che consentiranno “l’interoperabilità tra i dispositivi Android e iOS”.

Nei prossimi mesi invece Apple e Google metteranno disposizione una piattaforma di “contact tracing” basata sulla tecnologia Bluetooth dando “massima importanza a privacy, trasparenza e consenso” degli utenti.

Un progetto per tracciare il numero dei contagi, ecco le parole delle due aziende in una nota:

Siamo convinti che non ci sia mai stato un momento più importante per lavorare insieme nel cercare di risolvere un urgente problema di portata globale.

Attraverso una stretta cooperazione e collaborazione ci auguriamo che la tecnologia possa aiutare i paesi di tutto il mondo a rallentare la diffusione di Covid-19.

Un lavoro di squadra, un team vasto che potrà riuscire in una delle battaglie più difficili della società in tempi di pace.

A proposito di collaborazioni, Apple e l’Università di Stanford pensano a un’app dedicata a chi è in prima linea nell’emergenza coronavirus.

Polizia, Vigili del fuoco e paramedici, avranno cioè a disposizione un’applicazione chiamata First Responder COVID-19.

Essa, oltre a fornire notizie aggiornate e una guida completa su come proteggersi, include uno screening per determinare se l’operatore deve sottoporsi ad un test.

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Avatar
Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.