Un nuovo ctenoforo

Un nuovo ctenoforo, una scoperta davvero entusiasmante

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La vita, qualunque essa sia, è una meraviglia immensa. Sul nostro pianeta la vita è varia e ricca di esempi spettacolari. Particolari esseri viventi, soprattutto quelli acquatici, hanno un fascino indubbiamente misterioso. In questo caso è lecito parlare della scoperta di un nuovo ctenoforo. Una scoperta che conferma ulteriormente la meraviglia e gli enigmi della vita.

La scoperta del nuovo ctenoforo

Questo particolare e bizzarro animale è stato inizialmente scoperto nel 2015. Durante alcune immersioni subacquee facenti parte di alcuni studi del NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administrtion) utilizzando una nave.

Il NOAA è un’agenzia federale statunitense che si occupa di oceanografia, climatologia e meteorologia. Il giorno 10 aprile 2015 gli studiosi a bordo della nave, utilizzando un robot sottomarino (chiamato “Deep Discoverer”) guidato da remoto e dotato di telecamere ad alta definizione, hanno scoperto nei pressi dei fondali marini al largo delle coste di Porto Rico un nuovo ctenoforo, mai visto prima.

Dato che i ricercatori non sono riusciti a prelevare campioni di questi nuovi ctenofori (a causa anche della loro consistenza gelatinosa e dalla mancanza dell’apposita strumentazione), la classificazione di questa nuova specie è avvenuta utilizzando soltanto le immagini in alta definizione del 2015. Filmati che hanno ripreso in totale 3 esemplari di questa nuova specie.

La classificazione di una nuova specie, utilizzando filmati e foto, è ancora controversa, visto che le varie classificazioni avvengono analizzando e studiando tessuti di un determinato essere vivente. In un periodo di 5 anni, però, tramite un lavoro incessante di molti esperti, di analisi video e tramite la consultazione della letteratura scientifica si è potuto riuscire a classificare quei particolari esemplari, in un recente studio, chiamati alla fine Duobrachium sparksae . Ma cosa sono gli ctenofori?

Cosa è un ctenoforo

Gli ctenofori sono un phylum, costituito da circa 150 specie, di animali marini molto particolari e bizzarri, ricordano creature aliene. Somigliano alle meduse, ma, anche se apparentemente simili, non sono del tutto uguali. Le meduse infatti hanno nei loro tentacoli delle cellule orticanti, gli ctenofori no.

Gli ctenofori hanno prevalentemente una forma sferica. Sono caratterizzati anche da 8 file di bande meridiane dotate di “pettini” o “ciglia” utilizzate per nuotare lentamente a migliaia di metri di profondità. Il loro nome deriva dalle parole greche ktenos (pettine) e phoros (che porta); in poche parole si descrive la caratteristica principale di questi animali, ovvero che sono dotati di particolari pettini per il movimento.

Altra caratteristica degli ctenofori sono due tentacoli (retraibili in un’apposita tasca interna, anche se alcune specie non sono dotati di tentacoli) caratterizzati da filamenti secondari utilizzati per catturare le prede. Questi animali sono predatori carnivori marini che si cibano prevalentemente di piccoli crostacei, larve o filtrano il plancton; assunti tramite un polo orale.

Gli ctenofori hanno un corpo invisibile, sono costituiti prevalentemente da acqua e sono lunghi qualche centimetro. Non hanno un sistema nervoso centralizzato, ma una rete neurale. Infine sono tra gli animali acquatici più primitivi e misteriosi al mondo, sono una sorta di fossili viventi.

La recente scoperta ha confermato la meraviglia di questa tipologia di animali.

Una scoperta sensazionale

La nuova specie di ctenoforo, chiamata Duobrachium sparksae, ricorda la forma di una mongolfiera. È caratterizzata dalle particolari file di pettini e dai due tentacoli. Sono grandi circa 6 cm per quanto riguarda il corpo principale e circa 30 – 56 centimetri per quanto riguarda invece i tentacoli. Vivono a circa 4000 metri di profondità.

La loro caratteristica principale è che il loro corpo trasparente, riflettendo la luce, assume un color arcobaleno. Per questo motivo questa nuova specie di ctenoforo è stata soprannominata “mongolfiera arcobaleno”.

Al momento si conosce soltanto ciò su questa meravigliosa e misteriosa specie. Gli studiosi sperano di raccogliere anche un campione fisico del Duobrachium sparksae e studiarlo più a fondo. In ogni caso la sua scoperta aggiunge un altro tassello allo studio delle specie viventi, conferma il fatto che conosciamo ancora poco della biologia e dimostra ulteriormente la meraviglia della vita.

 

Ecco un video della nuova specie di ctenoforo:

 

Fonte immagine: NOAA

Ti potrebbe interessare leggere questo nostro articolo:

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Gioacchino Savarese

Avatar
Gioacchino Savarese nasce il 26 maggio 1995 a Nocera Inferiore. Fin da subito è appassionato di misteri, scrittura e scienza. Le sue passioni e i suoi sogni si sono materializzati il 16 maggio 2015 con la creazione del Blog intitolato "I Misteri Del Mondo e Dell'Universo", inoltre ha un canale You Tube (adesso chiamato Specialid) e una Pagina Facebook omonimi. Inoltre ha pubblicato un libro il 19 luglio 2017 intitolato "I MISTERI DELLA VITA NELL'UNIVERSO". Il 27 giugno 2019 ha pubblicato il suo secondo libro: DIARIO DI UN SOLDATO. Il 30 ottobre 2019 ha creato il suo nuovo blog, chiamato Specialid, anche la sua pagina Instagram si chiama Specialid. Continua tuttora la sua ricerca nel mistero, nelle sue attività e a scrivere.