Crostaceo supergigante

Il crostaceo supergigante, una nuova scoperta

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

La natura, così come la vita, è piena zeppa di sorprese e meraviglie. Non a caso di recente alcuni ricercatori hanno descritto l’esistenza di un crostaceo supergigante, inizialmente scoperto nel 2018. Vediamo i dettagli di questa straordinaria notizia.

La scoperta del crostaceo supergigante

Questa nuova specie di crostaceo supergigante fa parte della famiglia degli isopodi. La scoperta di questi particolari animali marini è avvenuta, da parte di alcuni ricercatori, inizialmente nel 2018 durante una spedizione sulla biodiversità nel mare profondo del Giava meridionale, in Indonesia. Lì hanno raccolto, ad una profondità oceanica compresa tra i 950 e i 1260 metri, un esemplare maschio ed un esemplare femmina di isopodi supergiganti.

In seguito gli scienziati li hanno studiati ed identificati, e, con molto stupore, erano di una specie di isopodi non conosciuta. Gli autori di questa meravigliosa scoperta l’hanno divulgata su ZooKeys. Ciò che è sorprendente è che sono i primi isopodi scoperti nelle acque indonesiane.

Le caratteristiche del nuovo crostaceo supergigante

Come accennato prima, i crostacei supergiganti recentemente identificati fanno parte della famiglia degli isopodi. Gli isopodi sono crostacei sia marini che terrestri e sono caratterizzati da un corpo segmentato in sette parti (ogni segmento ha il relativo paio di arti), quattro serie di mascelle, due serie di antenne ed occhi composti.

Questa tipologia di crostacei è formata da circa 10.000 specie, che vanno da una lunghezza di pochi millimetri fino ad esemplari di 75 centimetri. Le specie di dimensioni più grandi fanno parte del genere Bathynomus. Gli isopodi scoperti in Indonesia sono stati chiamati Bathynomus Raksasa (la parola “raksasa” in indonesiano significa “grande”). I nuovi isopodi supergiganti sono lunghi all’incirca 33 centimetri. Il primato di isopodi più grandi è però degli Bathynomus Giganteus, che raggiungono anche lunghezze di 70-80 centimetri.

La particolarità dei nuovi isopodi è che non sono mai stati identificati finora e si tratta di una specie completamente inedita.

Della vita conosciamo ancora poco

Questa affascinante scoperta dimostra che della vita conosciamo ancora troppo poco, visto che ogni anno gli studiosi scoprono nuove specie viventi. Soprattutto per quanto riguarda la biologia marina. Ciò è un dato di fatto ed anche uno spunto per riflette ed invogliare a scoprire di più. La vita è senza ombra dubbio la meraviglia e il mistero più grande dell’universo e va tutelata.

 

Fonte immagine: New Atlas

Ti potrebbe interessare leggere questo nostro articolo:

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Gioacchino Savarese

Avatar
Gioacchino Savarese nasce il 26 maggio 1995 a Nocera Inferiore. Fin da subito è appassionato di misteri, scrittura e scienza. Le sue passioni e i suoi sogni si sono materializzati il 16 maggio 2015 con la creazione del Blog intitolato "I Misteri Del Mondo e Dell'Universo", inoltre ha un canale You Tube (adesso chiamato Specialid) e una Pagina Facebook omonimi. Inoltre ha pubblicato un libro il 19 luglio 2017 intitolato "I MISTERI DELLA VITA NELL'UNIVERSO". Il 27 giugno 2019 ha pubblicato il suo secondo libro: DIARIO DI UN SOLDATO. Il 30 ottobre 2019 ha creato il suo nuovo blog, chiamato Specialid, anche la sua pagina Instagram si chiama Specialid. Continua tuttora la sua ricerca nel mistero, nelle sue attività e a scrivere.