Verstappen

Verstappen vince la sprint race in Austria, rimonta di Perez

 
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me

La sprint race ha visto le prime posizioni restare invariate nonostante una partenza che ha visto lottare i primi tre per alcune curve. La sprint race è stata vinta da Verstappen, ma le Ferrari sono subito dietro e per tutta la durata della mini gara il passo era molto simile. Ottima rimonta per Perez dopo la penalità arrivata nella serata di ieri.

Verstappen vince la sprint race: la sintesi

La gara sprint di oggi è stata una gara con poche sorprese, che ha portato a un’altra vittoria per Max Verstappen. Le Ferrari di Leclerc e Sainz hanno completato il podio in una breve gara che ha visto i primi 4 finire dove erano partiti. Sergio Perez ha fatto una rimonta dal 13° al 5° posto.

Prima della partenza ci sono stati un paio di episodi anomali: mentre tutti i piloti stavano per cominciare il giro di formazione, la Alpine di Alonso è rimasta sul cavalletto con le termocoperte ancora inserite. I meccanici hanno dovuto portarlo in pitlane. Poi, quando Zhou era quasi pronto a prendere il suo posto alla fine del giro di formazione, la sua macchina si è appena fermata in mezzo alla pista, costringendo il direttore di gara a imporre un altro giro di formazione. Zhou è ripartito ma è poi tornato ai box per partire dalla pitlane. Alonso invece non è riuscito ad iniziare la gara.

Quindi, dopo due giri di formazione le cose sono andate davvero bene. Verstappen è andato ultra difensivo all’inizio in curva 1, costringendo Leclerc a ritirarsi e consentendo a Sainz di prendere il secondo posto fino alla curva 3, dove Leclerc ha preso nuovamente il sopravvento. La lotta tra le due Ferrari è stata conveniente per Verstappen poiché il pilota della Red Bull era fuori portata del DRS quando è stato abilitato dopo due giri.

Più indietro Gasly si era spostato a sinistra mentre si preparava a frenare per la curva 1, dimenticando che gli erano rimaste due macchine. Questo lo ha fatto saltare sulla ruota anteriore di Hamilton ed è finito largo. Entrambi ne sono usciti senza danni, ma ovviamente Gasly è scivolato in fondo.

Perez, partito 13°, ha approfittato degli eventi e si è ritrovato 8° dopo un giro. Il messicano ha continuato a superare i piloti Haas mentre erano impegnati a combattersi l’un l’altro ed è salito al 5 ° posto quando ha superato Ocon all’11° giro.

Nelle prime fasi della gara, Sainz ha seguito molto da vicino Leclerc e ha tentato un sorpasso alla curva 3 del giro 5, ma con Leclerc all’interno, quest’ultimo ha scelto di frenare in ritardo e prendere la curva molto larga, costringendo il compagno di squadra spagnolo ritirarsi. Sainz ha avuto poi qualche problema con delle vibrazioni (detto da lui in Team Radio) e non è più riuscito ad avvicinarsi al pilota monegasco.

Con le posizioni in testa piuttosto fisse, sono stati Schumacher e Hamilton ad attirare l’attenzione mentre lottavano per l’8° posto. Schumacher è stato in grado di difendere a lungo grazie al DRS di Magnussen, ma nel primo giro che Mick non ne aveva più, Hamilton è passato velocemente per prendere il punto finale in questo sprint. Bottas chiude la top ten.

 

Please follow and like us:
Pin Share
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *