Vodafone e Libellula insieme per formare il personale socio-sanitario a riconoscere i segnali di violenza contro le donne

Condividi su:

 

MILANO – Fondazione Libellula Impresa Sociale e Fondazione Vodafone Italia hanno siglato un accordo di collaborazione per formare il personale socio-sanitario a riconoscere i segnali di violenza contro le donne. Secondo gli ultimi dati del Ministero della Salute, nel 2021 sono state 11.771 le donne che hanno effettuato un accesso in Pronto Soccorso con indicazione di violenza1. Per questo le due Fondazioni hanno ritenuto importante strutturare dei percorsi di formazione per permettere agli operatori e alle operatrici socio-sanitari/e di individuare il più rapidamente possibile i segnali di una violenza e di utilizzare strumenti relazionali idonei per approcciarsi alle vittime e metterle in sicurezza.

L’iniziativa, sostenuta da Fondazione Vodafone Italia, prevede il coinvolgimento di alcune strutture ospedaliere distribuite sul territorio italiano. Le prime regioni coinvolte sono Puglia, Campania, Lazio e Lombardia. Verrà attivata una vera e propria rete di intervento e protezione formata da organizzazioni, associazioni, enti e servizi del territorio. È prevista anche la creazione di un network tra gli ospedali dei territori interessati dal progetto per favorire lo scambio di best practice e il confronto su un fenomeno sociale di grande attualità.

Saranno coinvolti in particolare il Pronto Soccorso, i reparti di Ginecologia, Ostetricia, Traumatologia, Pediatria e Chirurgia Ortopedica. La formazione è a cura di Fondazione Libellula, a partire dal progetto di cura “Dai Segni ai Sogni” testato nel 2022 sul personale dell’ASST-Gaetano Pini-CTO di Milano e replicato in altre 6 edizioni nel territorio milanese.

Vodafone e Libellula insieme per formare il personale socio-sanitario a riconoscere i segnali di violenza contro le donne

Fondazione Vodafone metterà a disposizione come strumento a supporto del personale socio-sanitario e delle donne vittime di violenza “Bright Sky”, l’app gratuita, sviluppata in collaborazione con CADMI – Casa delle Donne Maltrattate e Polizia di Stato, che fornisce risorse, supporto e strumenti concreti alle donne che subiscono violenze e maltrattamenti. Bright Sky, utile risorsa anche per parenti, amici e amiche, colleghi e colleghe di lavoro, associazioni e da coloro che sono vicini/e a donne maltrattate, fornisce informazioni sui diversi tipi di violenza e consente alle donne di acquisire maggiore consapevolezza su come gestire la propria situazione. L’app fornisce inoltre una mappatura dei servizi di supporto che si occupano di maltrattamenti, sia a livello locale che nazionale.

Debora Moretti, Presidente di Fondazione Libellula, ha dichiarato: “La sinergia tra enti è fondamentale per contrastare la violenza di genere. Per noi poterci avvalere di un partner come Fondazione Vodafone è garanzia di poter aumentare il nostro raggio d’azione, con la certezza di avere valori e obiettivi comuni. Il personale socio-sanitario, se preparato correttamente, può salvare vite anche fuori dalle mura ospedaliere, con la giusta formazione. Si tratta di curare non solo le ferite del corpo, ma di aiutare le donne a uscire dalla violenza.”

“La collaborazione con Fondazione Libellula è per noi un importante passo nella lotta contro la violenza di genere” dichiara Adriana Versino, Presidente di Fondazione Vodafone Italia. “vogliamo dare un aiuto concreto e questo progetto fornisce strumenti efficaci e permette di riconoscere eventuali situazioni a rischio e individuare il supporto necessario. Con la nostra app Bright Sky mettiamo a disposizione del personale socio-sanitario un’utile risorsa che possa supportarli nel loro lavoro. Fondazione Vodafone da sempre contrasta ogni forma di violenza sulle donne e si impegna in modo costante a favorire un ecosistema di partner a supporto della causa”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24