Volkswagen: lo stabilimento di Wolfsburg si rinnova e si prepara al futuro

Volkswagen: lo stabilimento di Wolfsburg si rinnova e si prepara al futuro

 

La Volkswagen sta preparando il sito di Wolfsburg per il futuro: il costruttore tedesco effettuerà un investimento iniziale di circa 460 milioni di Euro nello stabilimento principale presso la sede centrale del Gruppo entro l’inizio del 2025. Lo ha annunciato il CEO Thomas Schäfer durante una riunione plenaria a Wolfsburg.

L’investimento è destinato principalmente agli adeguamenti necessari per la produzione della nuova ID.3. L’elettrica compatta lascerà la catena di montaggio di Wolfsburg dal 2023, inizialmente in produzione parziale, con il pieno regime previsto dal 2024. Il completamento del ramp-up è previsto entro la fine del 2025. Le misure di formazione necessarie per la forza lavoro sono attualmente in fase di preparazione. Dopo il ramp-up della ID.3, un ulteriore modello completamente elettrico appartenente al segmento dei SUV contribuirà a sfruttare a lungo termine la capacità produttiva di Wolfsburg per la produzione di veicoli elettrici.

Volkswagen: l’evoluzione della piattaforma MEB

La base tecnica per il nuovo modello sarà l’architettura modulare elettrica MEB. La piattaforma per auto elettriche della Volkswagen avrà un ulteriore sviluppo sostanziale come MEB+, diventando così ancora più efficiente. Tutto ciò sarà seguito da un ulteriore pilastro per il sito di Wolfsburg: il progetto del modello Trinity.

Sarà basato sulla futura piattaforma SSP (Scalable Systems Platform) del Gruppo tedesco. Entro la fine del 2033, il marchio Volkswagen costruirà solo auto elettriche a Wolfsburg, come in tutte le altre sue fabbriche in Europa. Parlando con i collaboratori, il CEO del marchio Volkswagen e Membro del Consiglio di Amministrazione del Gruppo per il Volume Brand Group Thomas Schäfer ha dichiarato: “Volkswagen è sinonimo di elettromobilità per tutti. Wolfsburg farà parte di questa storia di successo. Nel solo stabilimento principale, investiremo circa 460 milioni di Euro entro l’inizio del 2025, preparando la fabbrica per la MEB. Il ramp-up della ID.3 è il primo importante passo verso l’elettrificazione del nostro centro produttivo. Allo stesso tempo, stiamo lavorando a stretto contatto con il Consiglio di Fabbrica per portare a Wolfsburg un’ulteriore auto elettrica basata sulla MEB+: sarà un modello ad alto volume per il segmento dei SUV in forte espansione. Con queste decisioni e questi investimenti, intendiamo rafforzare ulteriormente la competitività di questa fabbrica e dare alla forza lavoro una prospettiva concreta a lungo termine”.

Rivolgendo la sua attenzione all’anno in corso, Schäfer ha ringraziato i collaboratori per la loro grande flessibilità e lo spirito di squadra in un contesto economico molto impegnativo. Daniela Cavallo, Presidentessa del Consiglio di Fabbrica, ha dichiarato: “Wolfsburg è il futuro. E il Consiglio di Fabbrica ha una chiara ambizione per il sito di Wolfsburg: produzione all’avanguardia, la migliore forza lavoro e il più grande spirito pionieristico. Ciò significa che Wolfsburg rimarrà la forza trainante del Marchio e del Gruppo nei prossimi anni con la trasformazione verso la produzione elettrica e un ulteriore modello completamente elettrico entro il 2026, insieme a Trinity e SSP. Svilupperemo insieme il calendario dettagliato. È così che creiamo posti di lavoro sicuri. Vorrei anche ringraziare l’intero team di produzione della nostra fabbrica principale che ha superato molte crisi in questo anno difficile”.

Quali sono i piani per il futuro

Il primo passo verso il futuro elettrico della fabbrica prevede il riallestimento del sito per la ID.3. La compatta elettrica inizierà a lasciare la catena di montaggio di Wolfsburg dal 2023, in aggiunta all’attuale produzione a Zwickau. Per la più grande fabbrica dell’intero Gruppo Volkswagen, questo è il primo veicolo completamente elettrico basato sulla piattaforma MEB.

Il CEO del marchio Thomas Schäfer ha indicato che ci sono piani per produrre in futuro un ulteriore modello basato sulla MEB nello stabilimento principale. Questo modello sarà un SUV completamente elettrico. “Si tratta del più grande segmento in tutto il mondo, di cui fa parte la nostra popolare Tiguan. Il nuovo modello completerebbe idealmente i nostri bestseller ID.4 e ID.5. Questo è il modo in cui intendiamo espandere ulteriormente la nostra posizione di mercato e offrire ai nostri Clienti le vetture di alta qualità che si aspettano da noi“, ha dichiarato Schäfer.

Per l’e-SUV la Volkswagen utilizzerà la MEB+, ulteriore sviluppo della piattaforma MEB. Schäfer: “La MEB ha ancora un potenziale significativo. La nostra ambizione è quella di portare questa piattaforma al livello successivo. A tal fine, stiamo facendo investimenti sostanziali nel progresso di questa tecnologia. La MEB+ ci mette in una posizione eccellente per i prossimi anni”. Nel 2020, alcuni analisti hanno condotto uno studio approfondito sulla piattaforma elettrica della Volkswagen e hanno concluso che è la “soluzione più impressionante proveniente da una società automobilistica affermata” sul mercato dei veicoli elettrici.

I Clienti beneficeranno della MEB+ sotto molti aspetti. La piattaforma consentirà velocità di ricarica più elevate e autonomie più lunghe. La Volkswagen prevede di utilizzare la cella unificata altamente standardizzata prodotta nello stabilimento del Gruppo di Salzgitter (inizio della produzione nel 2025).

Fonte immagine copertina: Volkswagen Italia

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesco Menna

Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com