Voucher (Fonte: civico10.org)

Voucher: troppo complicati e vincolanti per le imprese

 
RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me

Gli imprenditori non sono soddisfatti dei nuovi voucher. Si nota nelle prestazioni occasionali della stagione, come la vendemmia. In molti preferiscono addirittura un vero e proprio contratto a tempo determinato. I nuovi voucher per i lavori occasionali sono troppo complicati e il percorso burocratico da affrontare troppo lungo. Inoltre, i vincoli posti per evitare le problematiche dei vecchi pagamenti hanno reso impossibile il loro utilizzo.

Il fatto è che se i vecchi voucher non avevano regole fisse e si potevano sfruttare come meglio si credeva, i nuovi hanno troppi vincoli che complica il pagamento dei dipendenti occasionali. La legge che li ha messi in vigore è stata realizzata nel giro di pochi giorni, per evitare l’inizio della campagna referendaria per la loro abolizione proposta dalla Cgil.

Voucher esclusi per imprese con più di 5 dipendenti

Il paletto più grande e vincolante è proprio quello riguardante il numero di dipendenti che l’impresa utilizza per la produzione. La legge ora non permette all’imprenditore con più di 5 dipendenti di poter utilizzare i buoni. A sottolineare il problema è il senatore dem Pietro Ichino, il quale spiega: «La legge ora esclude da questa opportunità tutte le imprese con più di 5 dipendenti stabili: in questo modo si è tagliato fuori il novanta per cento della platea di datori di lavoro che nel regime precedente potevano utilizzare i voucher».

Nel 2016, i voucher utilizzati furono 134 milioni per 1,6 milioni di lavoratori. Da quando sono entrati i vigore nel 2017, si registra una diminuzione dell’80%. Sono difatti 27.000 gli utenti che hanno utilizzato i nuovi buoni. Ci si aspetta quindi una cifra che si aggira sui 300.000 lavoratori che verranno pagati con i voucher.

Vuoto legislativo per i lavori occasionali

Di fatto, l’uso di voucher richiede sempre la consulenza di un esperto in materia, perchè non è più possibile acquistarli dal tabaccaio come prima. Di conseguenza, una parte del lavoro torna a essere in nero, mentre altri vengono regolamentati con dei contratto a termine.

Fonte: repubblica.it

Please follow and like us:
Pin Share
 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *