Vulcano Nuova Zelanda

Vulcano Nuova Zelanda: tanta paura

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Vulcano Nuova Zelanda: cosa è accaduto

Un vulcano in Nuova Zelanda ha eruttato in maniera del tutto inaspettata. Finora il bilancio è di 5 morti e diversi feriti. Ciò che è accaduto è gravissimo e nessuno si sarebbe mai aspettato un evento simile. Il vulcano di nome Waakari situato nella piccola White Island è meta di turisti e curiosi. Proprio durante il momento drammatico moltissimi visitatori erano a fare varie escursioni sul cratere, sicuri che non sarebbe accaduto nulla.

La premier neozelandese a proposito dell’accaduto afferma:

“Sappiamo che c’erano molti turisti sia sull’isola sia nelle vicinanze. Alcuni sono neozelandesi, ma molti altri sono stranieri.”

Vulcano Waakari e paura: in attesa di ulteriori notizie

Finora non si sa molto dei dispersi e dei feriti. Questi ultimi, di cui non si conosce né il nome né la nazionalità, sono stati portati nell’ospedale della North Island; l’isola più a nord della Nuova Zelanda. Secondo le testimonianze dei medici dell’ospedale, i visitatori erano circa venti, anche se i numeri effettivi non si conoscono ancora. É stato un visitatore di nome Michael Shade a filmare da una barca ciò che stava avvenendo intorno alle ore 14:00.

Le immagini sono inquietanti e ciò che si sa del vulcano è che esso è uno dei più attivi, ma anche uno dei più imprevedibili. Infatti pochi minuti prima dell’eruzione, esso non ha dato alcun segnale che potesse far pensare a ciò che stava accadendo. Gli esperti affermano che:

 “I detriti esplosi hanno raggiunto i 12mila metri di altezza, non si tratta di una grande eruzione per un vulcano di quel genere. Certo esserci vicini non è una cosa buona né sicura”.

Si può dire che, nell’imprevedibilità dell’accaduto, il sito GeoNet, che si occupa di tenere sotto controllo l’attività dei vulcani, da un po’ di tempo stava mettendo in guardia in merita alla situazione di Waakari. Tuttavia c’è da dire che, seppur in grado di entrare in attività, i livelli fino al momento dell’eruzione non lasciavano margini tali da pensare che la tragedia sarebbe avvenuta di lì a poco.

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24

Avatar