Ziliani attacca la Juventus: “Madama in difficoltà? Come ai tempi di Agnelli arrivano gli aiuti. Commisso la odia, ma si trasforma…”

Condividi su:

 

La Juventus nel nuovo allenatore Thiago Motta è al momento la società più attiva sul mercato con gli arrivi di Douglas Luiz, Khephren Thuram e Di Gregorio con il direttore sportivo Giuntoli pronto a regalare al nuovo allenatore una rosa competitiva per fronteggiare su tutti i fronti. Intanto il giornalista de “Il Fatto Quotidiano”, Paolo Ziliani non ha perso l’occasione per sfoderare un nuovo attacco nei confronti della Juventus con tanto di stoccata nei confronti del patron della Fiorentina, Rocco Commisso.

 

Ziliani, il duro attacco nei confronti della Juventus

“Madama non sta bene? Niente paura: come ai tempi di Agnelli, la fila di donatori di sangue alla sua porta è lunghissima. La Fiorentina che si accolla la zavorra Kean, l’Aston Villa che facilita le plusvalenze farlocche Iling jr.-Barrenechea, Galliani pronto a imbarcare Szczesny e l’Atalanta destinata a stupire tutti nell’affare-Koopmeiners: se non ve ne eravate accorti, la giostra è ricominciata più allegra che mai”.

“Ricordate la Sampdoria che compra a peso d’oro lo sconosciuto Audero giovane portiere della Juventus, l’Udinese che si svena per il carneade Mandragora, il Genoa per Sturaro, il Bologna per Orsolini, il Cagliari per Cerri, il Sassuolo per Zaza e via dicendo? Erano i club che fungevano da Banco di Mutuo Soccorso per la Juventus di Andrea Agnelli che avendo in rosa Ronaldo che gravava a bilancio per 81 milioni a stagione e ancora Higuain, De Ligt, Arthur e altre insostenibili zavorre, non potendo farcela aveva bisogno delle trasfusioni di tutti”.

“Ebbene: sono passati anni dalle spericolate operazioni di mercato che consentirono alla Juventus di vincere scudetti facendo strame di ogni regola fino a che Consob e Procura di Torino arrivassero a dire stop, e nulla – ma proprio nulla – sembra essere cambiato. La giostra è ripartita più allegra di prima e più frequentata di prima, tutto si svolge alla luce del sole e nessuno naturalmente dice niente: l’importante è non disturbare il conducente, che poi sarebbe il club con lo straordinario brand da difendere tanto caro al presidente della FJGC Gravina”.

Ziliani, la stoccata a Commisso

“Il favoloso mondo di “Amélie” Commisso: l’uomo che odia la Juventus ma che in caso di bisogno si trasforma in sua crocerossina. Se a parole il boss della Fiorentina è un fiero avversatore della Real Casa di cui da tempo denuncia il “lavoro sporco”, nei fatti funge da sua stampella a volte addirittura non richiesta: dopo Chiesa, Vlahovic e Arthur, ecco il regalo a Madama da 30 milioni dell’imbarazzante, inspiegabile operazione-Kean”.

 

LEGGI ANCHE: Zanetti, 5 maggio? “Sappiamo che su quel campionato c’erano le ombre di Calciopoli. Prima di Lazio-Inter, Moggi…”

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Gaetano Masiello