5G Huawei bannato in Svezia, fuori anche dall'Inghilterra entro il 2025

5G Huawei bannato in Svezia, fuori anche dall’Inghilterra entro il 2025

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il network 5G di Huawei è stato bannato anche in Svezia. Huawei continua ad affrontare difficoltà mentre i paesi europei rinunciano a utilizzare i suoi servizi per le loro nascenti reti 5G. Questa settimana è stata la Svezia a scegliere di limitare Huawei e ZTE dalla sua rete 5G. La conferma arriva dai Consigli delle forze armate svedesi e del servizio di sicurezza nazionale.

Le nuove installazioni e la nuova implementazione di funzioni centrali per l’uso radio nelle bande di frequenza non devono essere eseguite con prodotti dei fornitori Huawei o ZTE“, ha affermato l’Autorità svedese delle poste e delle telecomunicazioni. Hanno aggiunto anche: “Se l’infrastruttura esistente per le funzioni centrali è per essere utilizzati per fornire servizi nelle bande di frequenza interessate, i prodotti Huawei e ZTE devono essere eliminati gradualmente al più tardi il 1° gennaio 2025“.

Network 5G Huawei bannato in Svezia: che succede?

In un commento a Reuters, Huawei ha criticato la mossa, dicendo: “Non ci sono motivi concreti per sostenere le accuse. Accusano Huawei di rappresentare una minaccia alla sicurezza. L’esclusione di Huawei risulta basata semplicemente su una presunzione infondata. Questo è ingiusto ed inaccettabile”.

Ciò avviene dopo che il Regno Unito ha scelto di rimuovere Huawei dalla sua rete 5G entro il 2027. Ha anche raccomandato successivamente di uscirne il prima possibile, al massimo entro il 2025. Huawei aveva accusato quel divieto di essere basato su “opinioni”. Huawei era stata accusata di essere un rischio per la sicurezza dal governo degli Stati Uniti negli ultimi anni. Sebbene la società sia stata legalmente sotto assedio per altre attività dubbie tra cui furto di proprietà intellettuale e racket, continua a notare che le accuse che ruotano attorno alla sicurezza nazionale non sono mai state provate. Vedremo cosa succederà nei prossimi mesi, se non addirittura nei prossimi anni.

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com