A Roma l'assemblea nazionale di Italia Viva

A Roma l’assemblea nazionale di Italia Viva

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

ROMA – A Roma l’assemblea nazionale di Italia Viva con importanti riscontri. L’evento si è tenuto nel fine settimana. Anche l’ex consigliere regionale dell’Abruzzo Luciano Monticelli (foto) ne è stato nominato componente. Ecco cosa spiega in merito Monticelli:

“L’Assemblea nazionale, che è presieduta dalla Presidente e dal Presidente nazionali, ha competenza in materia di indirizzo della politica nazionale dell’Associazione, di organizzazione e funzionamento di tutti gli organismi dirigenti nazionali. Esprime indirizzi sulla politica dell’associazione attraverso il voto di mozioni, ordini del giorno, risoluzioni, secondo le modalità previste dal suo Regolamento. Sia attraverso riunioni plenarie, sia attraverso Commissioni permanenti o temporanee, ovvero, in casi di necessità e urgenza, attraverso deliberazioni effettuate per via telematica sulla base di quesiti individuati dall’ufficio di Presidenza o dal Comitato nazionale. Il Regolamento è approvato dall’Assemblea nazionale con il voto favorevole della maggioranza assoluta dei suoi componenti”.

A Roma l’assemblea nazionale di Italia Viva

Assieme alle Commissioni sono stati creati anche 30 Cantieri di Futuro, ai quali tutti possono aderire e fornire contribuiti di idee, cantieri tematici che costituiranno le basi per gli obiettivi futuri.

Quattro i temi, di interesse generale per tutti i cittadini, che sono già sul tavolo programmatico del partito nazionale e saranno tutti portati sul territorio.

“Il primo – spiega ancora Monticelli – è l’intenzione di sbloccare con i Commissari i cantieri fermati della burocrazia. Non solo. Siamo a lavoro anche per l’eliminazione o comunque la modifica del Reddito di Cittadinanza e sul tema della prescrizione. Per quest’ultima lavoriamo per una giustizia giusta e non sul giustizialismo”.

Ultimo tema, infine, la volontà di cambiare le regole per eleggere il Sindaco d’Italia e dare 5 anni di stabilità al Governo. Su quest’ultimo punto, in particolare, si riprende una vecchia battaglia politica che portò avanti Mario Segni nel 1993. Palpabile la soddisfazione di Luciano Monticelli all’indomani dell’assemblea romana:

“Un ringraziamento per questa nomina importante – ha detto – va al presidente, nonché vice presidente della Camera, Ettore Rosato, e alla presidente Teresa Bellanova”.

Hanno scelto di aderire al nuovo partito di Matteo Renzi, tra gli altri, il parlamentare ex Pd Camillo D’Alessandro e l’ex deputato Tommaso Ginoble.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24