Assemblea Nazionale di Italia Viva

A Roma l’Assemblea Nazionale di Italia Viva

Condividi su:

 

Si terrà a Roma l’Assemblea Nazionale di Italia Viva, sabato 1° e domenica 2 febbraio a Cinecittà. Ecco cosa scrive su Facebook il leader del partito, Matteo Renzi:

«Sabato e domenica Italia Viva rilancia sulle idee: cantieri da sbloccare, prescrizione, lavoro e non sussidi, tasse. La prima Assemblea Nazionale della nostra nuova casa si tiene a Cinecittà, nel luogo dove i sogni prendono forma. Buon Governo contro Populismo! Puoi contribuire partecipando personalmente, inviandoci un’idea o dandoci un sostegno di qualche euro. Ci vediamo a Cinecittà sabato e domenica».

A Roma l’Assemblea Nazionale di Italia Viva

In un’intervista rilasciata a Il Messaggero all’inizio di gennaio, Renzi aveva tracciato un bilancio dei primi mesi di vita di Italia Viva:

«Sono molto soddisfatto dei primi mesi. Nel 2020 girerò tutte le cento province d’Italia per valorizzare questa nuova classe dirigente che stiamo costruendo sul territorio. E alle regionali di maggio farà il debutto il nostro simbolo. Un anno esaltante, insomma. Sono sempre più convinto che il meglio debba ancora arrivare».

Intanto il M5S continua a perdere colpi, tra abbandoni illustri e batoste elettorali: quanto può reggere la maggioranza in queste condizioni?

«La maggioranza regge tranquillamente, M5S non so. Io non credo che sarà un anno facilissimo per i grillini, tutt’altro. Però i segnali di chi sta lasciando il Movimento vanno tutti nella direzione della prosecuzione della legislatura. Insomma l’esodo dalla Piattaforma Rousseau è appena iniziato. Ma continuo a pensare che sia più saggio per tutti arrivare a scadenza naturale della legislatura. E se i grillini ci arriveranno meno forti è un problema tutto loro».

Riferendosi poi alle competenze dei sindaci, secondo Renzi “anche dei poteri specifici per la Capitale dovremmo parlare al tavolo di governo”:

«Pur pensando tutto il male possibile dell’attuale amministrazione capitolina, la ritengo una mancanza grave. Non riconoscere la specificità di Roma Capitale è in contraddizione con tutto questo gran parlare di autonomia. Nessuna volontà di fare da sponda alla Raggi, sia chiaro, ma ritengo doveroso spezzare una lancia per i cittadini di Roma».

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24