ItalExit si prepara per le elezioni politiche

Pesanti strascichi dopo il caso Paragone

Condividi su:

 

ROMA – Pesanti strascichi dopo il caso Paragone, espulso due giorni fa dal Movimento 5 Stelle. Ora arriva la notizia che anche Nunzio Angiola e Gianluca Rospi, seguendo l’esempio di Lorenzo Fioramonti, hanno lasciato (spontaneamente) il M5S decidendo di aderire al Gruppo Misto. L’addio al gruppo grillino con il conseguente passaggio al Misto è stato formalizzato ieri in aula alla Camera dalla vicepresidente di turno, Maria Edera Spadoni.

“Ho deciso, con grande rammarico, di abbandonare il M5S – ha affermato Angiola – Il mio dissenso non deriva da un mio personale cambiamento di opinioni. Ma dalla presa d’atto che, chi più chi meno, i vertici del Movimento hanno preferito trincerarsi in una chiusura pregiudiziale nelle proprie granitiche convinzioni. Per una serie di meditate ragioni ho dato il mio voto di fiducia al governo di Giuseppe Conte. Ma non ho votato la legge di bilancio. Ho manifestato vivo disappunto per la compressione delle prerogative parlamentari e per l’approvazione di provvedimenti che, nella mia qualità di professore ordinario nell’Università, non potevo assolutamente accettare”.

Pesanti strascichi dopo il caso Paragone

Rospi ha annunciato l’addio al M5S per contrasti con la gestione ”verticistica” del Movimento:

“Per svariate ragioni, in primis il non condividere la manovra di bilancio approvata di recente e la mancanza di collegialità nelle decisioni all’interno del gruppo, ho maturato l’idea di lasciare il MoVimento 5 Stelle. Manovra di bilancio a parte, non è più tollerabile una gestione verticistica e oligarchica del Gruppo parlamentare con il risultato che ristrette minoranze decidono per la maggioranza. Il M5S non vuole più dialogare, con la base che si limita a veicolare le scelte prese dall’alto senza più essere portatrice di proposte”.

Intanto Paragone, dalla sua pagina Facebook, ha rilanciato l’attacco ai pentastellati con un video in cui riserva loro parole molto dure. E ha accompagnato il tutto con questo post:

“Cari falsi probiviri, cari uomini del Nulla, voi avete paura di me perché io ho quel coraggio che voi non avete più. Contro la meschinità del vostro arbitrio mi appellerò”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24