Renzi elogia Conte e rilancia il piano Italia Shock

Renzi elogia Conte e rilancia il piano Italia Shock

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

ROMA – Renzi elogia Conte e rilancia il piano Italia Shock. Infatti il fondatore di Italia Viva ha scritto questo post, ieri, sulla sua pagina Facebook dopo la conferenza stampa del premier:

“Gli impegni del presidente Conte vanno nella giusta direzione. Adesso bisogna passare dalle parole ai fatti. Trasformiamo la crisi in una vera occasione di cambiamento dell’Italia. Cominciando dal Piano Shock su infrastrutture e scuole”.

Renzi elogia Conte e rilancia il piano Italia Shock

Già lo scorso dicembre, sul suo account Twitter, l’ex presidente del consiglio aveva parlato del piano Italia Shock, ma in quel momento si era ancora ben lontani dalla pandemia e dal lockdown:

“Vinta la sfida su Iva e nuove tasse, ora il grande tema è la crescita. Italia Viva proporrà per il 2020 due grandi punti: il piano shock da 120 miliardi per le infrastrutture e il piano Marattin su nuova Irpef. Ci aiutate a far girare il piano Italia Shock?”.

D’altronde da diverso tempo l’ex segretario Pd sta dicendo la sua in materia di economia, e sempre su Twitter aveva parlato di “bicchiere mezzo pieno“:

“Abbiamo criticato il bicchiere mezzo vuoto, ma ce n’è anche uno mezzo pieno: la retromarcia su Iva, plastica e auto ma anche Pir e Industria 4.0, ora di nuovo a disposizione per chi vuole investire. I populisti urlano, i riformisti vanno avanti passo dopo passo. Avanti così”.

Queste dichiarazioni sono molto importanti perché l’ex segretario del Pd già su Facebook aveva detto no all’aumento dell’Iva. Nello specifico, Renzi aveva voluto mettere le cose in chiaro precisando che proprio non si può alzare questa imposta:

“Abbiamo fatto un Governo per mandare a casa Salvini e per non aumentare l’Iva. Adesso non possiamo aumentare l’Iva, punto. Noi non abbiamo fatto polemica sui ministeri, sui sottosegretari, sulle scelte del passato. Ma aumentare l’Iva sarebbe uno schiaffo ai consumatori, specie ai più poveri. E porterebbe alla recessione. Ecco perché Italia Viva dice no all’aumento dell’Iva”.

Anche in un’intervista rilasciata mesi fa al Corriere della Sera, Renzi aveva parlato della linea che secondo lui si dovrebbe seguire:

“Bisogna rilanciare le infrastrutture, sbloccando i cantieri […] La crescita zero fa male alle aziende e fa crescere il rapporto debito/Pil. Si sblocchino i 120 miliardi che sono fermi nei cassetti”.

Autore dell'articolo: Elena De Lellis

Avatar