Ancora acqua alta a Venezia

Ancora acqua alta a Venezia, le previsioni

 

VENEZIA – Ancora acqua alta a Venezia, che questa mattina (23 novembre) si è fermata, alle ore 8.20, a 107 centimetri sul medio mare rispetto ai 110 centimetri previsti. A tale proposito, è stato provvidenziale un vento che soffiava da est e che ha bloccato la spinta dello Scirocco, il quale tuttavia è successivamente tornato prevalente.

Confermate, dal Centro maree del Comune di Venezia, le previsioni relative alle prossime massime con un’acqua alta sui 110 centimetri indicata per le ore 23 di questa sera, 23 novembre, e i 140 centimetri previsti per le ore 8.50 di domani, 24 novembre.

Ancora acqua alta a Venezia

Intanto Lega Serie A e Lega B hanno aderito alla campagna raccolta fondi telefonica della Protezione Civile a sostegno di Venezia. E lo hanno fatto attraverso la promozione del numero solidale 45500, con cui si possono donare 2 euro. E’ sufficiente inviare un sms o effettuare una chiamata da rete fissa.

Le due Leghe si impegneranno poi a realizzare un importante progetto a sostegno della comunità lagunare. O anche di ripristino di un bene artistico, sportivo o sociale danneggiato. Il tutto, in rigoroso accordo con le istituzioni locali.

L’impegno di Lega Serie A e Lega B per Venezia

In occasione della 13ª e della 14ª giornata di Serie A TIM e Serie BKT, si provvederà a promuovere la raccolta fondi per Venezia in tutti gli stadi. Lo si farà mediante appositi led a bordocampo, grafiche sui maxi schermi e letture di messaggi dedicati da parte degli speaker. Ricordiamo che il numero solidale 45500 è attivato dal Dipartimento della Protezione Civile.

Di recente anche il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, si è espresso su Venezia allagata. Lo ha fatto intervenendo a ’24Mattino’, sull’emittente Radio 24, relativamente al Mose:

“Non è un’opera della Regione Veneto – ha specificato l’ex ministro delle politiche agricole – la Regione non c’entra nulla dal punto di vista operativo e di finanziamenti del Mose. Bisogna metterlo in funzione e vedremo se funziona”.

Fonte immagine: MeteoWeb

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24