Apple si scusa con Wordpress: niente acquisti in-app

Apple si scusa con WordPress: niente acquisti in-app

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com
 

Venerdì, gli utenti su internet hanno “rivoltato” il web. Il motivo riguarda il fatto che Apple aveva costretto con successo WordPress a monetizzare la sua app gratuita. Questo costringeva il provider a vendere piani premium e nomi di dominio personalizzati apparentemente solo in modo che Apple potesse ottenere il suo tradizionale guadagno del 30%. Ma il giorno dopo, a seguito delle numerose proteste, Apple fa marcia indietro. Apple si scusa con WordPress per quanto accaduto. Afferma che WordPress non dovrà più aggiungere acquisti in-app.

Apple si scusa con WordPress: il comunicato stampa

Apple ha pubblicato la dichiarazione, riportata di seguito. “Riteniamo che il problema con l’app WordPress sia stato risolto. Poiché lo sviluppatore ha rimosso la visualizzazione delle opzioni di pagamento del servizio dall’app, ora è un’ app stand-alone gratuita e non deve offrire acquisti in-app. Abbiamo informato lo sviluppatore e ci scusiamo per l’eventuale confusione che abbiamo causato“. Gli utenti noteranno che su Apple è sparita la voce “visualizzazione delle opzioni di pagamento del servizio dall’app“. Mentre fino a ieri l’app WordPress non vendeva una sola cosa e non menzionava nemmeno un piano “WordPress.com” a pagamento a meno che non si seguisse un’improbabile soluzione alternativa, questo fine settimana i ragazz di The Verge hanno rintracciato un collega giornalista che aveva una versione molto più vecchia dell’app. Tale versione aveva una scheda “Piani” dedicata che elencava alcuni dei diversi piani disponibili per i clienti premium.

Nonostante sulle vecchie versioni ci fossero piani premium, nessuno di essi è acquistabile. Possiamo confermare che l’intera sezione “Piani” era già stata rimossa quando lo sviluppatore di WordPress Matt Mullenweg aveva detto che Apple lo aveva costretto con successo ad aggiungere acquisti in-app. Apple, dunque avrebbe tentato di guadagnare anche su un’app gratuita come WordPress, imponendo dei piani di pagamento premium. 

Via

Fonte immagine copertina: Pixabay

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Francesco Menna

Avatar
Mi chiamo Francesco, classe 96. Laureato in Ingegneria Meccanica e studente alla magistrale di Ingegneria Meccanica per l'Energia e l'Ambiente alla Federico II di Napoli. Passione sfrenata per tutto ciò che ha un motore e va veloce. Per info e collaborazioni inviare una mail a framenna96@gmail.com