il coprifuoco per emergenza coronavirus

Attivato il coprifuoco per emergenza coronavirus

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Il Governo attiva il coprifuoco per emergenza coronavirus. L’obiettivo è limitare ulteriori contagi

L’intero Paese si ferma e gli italiani devono restare a casa. Stop, dunque, a giri per locali, assembramenti, viaggi e sport. E’, infatti, scattato il coprifuoco per emergenza coronavirus. Lo ha stabilito il Governo ieri sera, dopo una lunga assemblea, firmando un decreto incontrovertibile. La normativa è rivolta specialmente ai fautori della movida e a coloro che negli ultimi giorni non hanno rispettato i dovuti accorgimenti per limitare la propagazione del virus.

Divieti e limitazioni in tutta Italia. Al via la campagna “Io resto a casa

Le limitazioni negli spostamenti e i divieti saranno, dunque, estesi a tutta l’Italia e chi non li rispetterà andrà incontro a sanzioni.
Il Presidente del Consiglio, non a caso, spiega che il provvedimento si chiamerà come la campagna di comunicazione avviata dal Governo: “Io resto a casa“. E senza indugi spiega: “Sono pienamente consapevole della gravità e della responsabilità. Non possiamo permetterci di abbassare la guardia. È il momento della responsabilità e tutti l’abbiamo. Voi cittadini tutti con me. La decisione giusta oggi è di restare a casa. Il futuro nostro è nelle nostre mani”. Ci sarà un divieto di assembramento in tutta Italia. Non ci possiamo permettere occasioni di contagio. Bisogna evitare – continua a gran voce il Premier – sul tutto il Paese gli spostamenti, a meno che non siano motivati, divieto degli assembramenti all’aperto e dei locali aperti al pubblico“.

Sospeso anche il campionato di calcio e le altre manifestazioni sportive

Sospeso anche il campionato di calcio e tutti gli sport. “Non consentiremo neppure l’uso delle palestre, degli impianti di sci. Chiusi cinema, teatri, rimandati i concerti“. Occorre, per qualche tempo, cambiare le nostre abitudini e le nostre attività extra lavorative per arginare questa difficile situazione, con la speranza di tornare alla normalità il prima possibile.

Fonte Immagine: ViviEnna

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24