Beppe Grillo

Beppe Grillo attacca il Colle in un Circo Massimo gremito

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Beppe Grillo, a pochi giorni dalla “manina” di Di Maio, dice la sua. Lo fa a suo modo, senza peli sulla lingua. In un Circo Massimo strapieno, il comico non si lascia scappare l’occasione di mettere i puntini sulle i. Soprattutto, però, Grillo è protagonista di un duro attacco al Colle. “Dovremmo togliere i poteri al capo dello Stato, dovremmo riformarlo”, arriva a dichiarare. Parole che, ovviamente, non hanno mancato di suscitare polemiche.

L’attacco di Beppe Grillo

Per Beppe Grillo, il Capo dello Stato “non e’ più in sintonia col nostro modo di pensare”. Parole dure, ma non le prime che il comico pronuncia contro il Presidente della Repubblica, istituzione che sempre ha giudicato obsoleta. Il discorso di Grillo al Circo Massimo segue di pochi giorni l’intervento a “Porta a Porta” di Di Maio. Non un caso, dunque. Come non è un caso la sviolinata che il capo spirituale del Movimento Cinque Stelle fa a Salvini : “uno che dice una cosa e la mantiene. L’etica della politica è la lealtà, e oggi è un miracolo della politica. Poi siamo strutturalmente come Dna diversi”. Insomma: alleati fedeli, ma con pensieri contrapposti. L’impressione è che le parole di Grillo certifichino una specie di armistizio con la Lega.

Altre dichiarazioni

Inutile dire che le dichiarazioni di Beppe Grillo hanno suscitato più di una polemica. Maurizio Martina è stato il primo a replicare affermando: “Il comico miliardario prenda in giro chi vuole, non c’è alcun problema a farsi due risate al circo di domenica, ma lasci stare la Costituzione e il ruolo di garanzia del Quirinale. Il Capo dello Stato non si tocca caro Grillo”. 

Oltre alla questione Quirinale, ci sono da registrare anche le parole di Giuseppe Conte in merito ad una presunta rottura Lega-Cinque Stelle. Dal palco di  Italia 5 Stelle il Presidente del Consiglio ha affermato: “Ci aspetta un cammino ancora lungo, gli oppositori se ne facciano una ragione. “Stiamo lavorando intensamente dal primo giorno ma per realizzare tutto il nostro programma il nostro arco di impegno deve essere lungo: fino al 2023”

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24