Bernal pronto per aiutare Froome

Bernal pronto per aiutare Froome e Thomas

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Egan Bernal è pronto per aiutare Froome e Thomas alla prossima edizione del Tour de France al via tra poco più di un mese. Il giovane farà il possibile per vincere la Grande Boucle nel rispetto ovviamente del proprio team. Al riguardo ha affermato: “Ho grande rispetto per Chris in quanto un grande campione dal quale ho imparato molto. Quanto detto dalla Ineos al momento della partenza è molto chiaro, non hanno potuto offrirgli una leadership unica quindi la miglior soluzione per lui è cambiare squadra. Per lui sarà un bene, ma per noi è un male perché significa che sarà un nostro rivale. Attualmente, sono felice di continuare a poter continuare a contare su di lui in squadra. Sarà al Tour con noi ed è un bene per tutti”.

Il colombiano ha poi aggiunto: “Sicuramente proverò a vincere il Tour e se ci riesco sarà una grande festa. Ma se non ci riesco non sarà successo niente. Ho solo 23 anni e ancora molte cose da poter fare. Avrò comunque la consapevolezza di essermi preparato e di aver fatto tutto bene per vincere”.

 

Bernal pronto per aiutare Froome e Thomas. Le dichiarazioni

Si ritroveranno tutti e tre al prossimo Tour de France: Bernal, Froome e Thomas con la maglia del team Ineos. Il corridore Egan Bernal durante la conferenza stampa ha sottolineato: Sono pagato per correre per la Ineos, non per Egan Bernal. Siamo consapevoli che quel che conta è la vittoria della squadra e questa è una grande responsabilità. Non faremo cose sbagliate che portano la squadra a perdere il Tour. Siamo tutti e tre dei professionisti, sappiamo cosa significa vincere il Tour. Siamo amici e siamo onesti, parliamo e ci capiamo molto bene. La questione di chi sarà il leader si risolverà sulla strada. È una questione di pazienza e di mantenere i piedi per terra”.

Non resta che attendere l’inizio della corsa per capire come i tre campioni gestiranno la leadership della Grande Boucle.

Autore dell'articolo: Annamaria Sabiu