Brexit Party balza in testa

Brexit Party balza in testa nei sondaggi

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Brexit Party balza in testa nei sondaggi sulle intenzioni di voto nel Regno Unito.

Brexit Party balza in testa sulle intenzioni di voto nel Regno Unito

Lo rivela un’ indagine condotta per l’Observer, il periodico domenicale del Guardian. Il partito pro Brexit, guidato da Nigel Farage, raccoglie il 26% dei consensi nelle intenzioni di voto per il prossimo rinnovo del Parlamento britannico. La formazione politica, di recente istituzione, vede dunque un aumento del 2% rispetto allo stesso precedente studio. Il leader Farage esulta parlando di un “momento storico con il Brexit Party al primo posto in un sondaggio su base nazionale”.

A seguire il Partito Laburista, al secondo posto, con il 22% di preferenze e una riduzione del 7% in confronto a due settimane fa. I Tory si piazzano al terzo posto con il 17% dei consensi. Anche nel loro caso risulta una diminuzione del 5% degli assensi. I Lib Dem risultano invece in discesa del 5%, aggiudicandosi il 16%. Il consenso su base nazionale ottenuto dai Liberal Democratici fatica a tradursi in una concreta conquista di seggi a causa del sistema elettorale britannico. Quest’ultimo, infatti, premia i partiti i cui elettori sono molto concentrati in una parte del territorio. E, contrariamente, penalizza chi raccoglie preferenze buone su tutto il territorio nazionale ma non è forte in un’area specifica.

[adrotate banner=”37″]

Le dichiarazioni del Presidente USA Donal Trump

Donald Trump ha dichiarato al Sunday Times che “la Gran Bretagna dovrebbe mandare Nigel Farage a negoziare con Bruxelles. Se Londra non otterrà ciò che chiede all’UE, dovrebbe semplicemente uscire con un ‘no deal“. Il Presidente americano sostiene che il prossimo premier britannico dovrebbe rifiutarsi di pagare i 139 miliardi di sterline previsti per il “divorzio” e semplicemente andarsene se Bruxelles non dovesse accettare le richieste.
Nel frattempo il Regno Unito, dove vivono anche 4 milioni di cittadini europei, tra cui almeno 700 mila italiani, è ancora membro dell’Unione Europea. A 3 anni dal referendum sulla Brexit non si è ancora trovato il modo di uscire dall’Europa senza troppi traumi e danni economici.

Fonte Immagine: Flickr

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24