Cassini si è tuffata su Saturno, le immagini

Erano quasi le 9 in Italia quando la sonda Cassini ha inviato un segnale che la Nasa ha ricevuto, a migliaia di chilometri di distanza. La chiamata è arrivata puntuale, come avevano previsto i tecnici che da 20 anni seguono il viaggio della sonda, la quale avrà il compito di scattare delle foto e studiare l’atmosfera di Saturno, oltre al suolo e ai suoi anelli. È un importante passo in avanti questo, che potrà far capire agli esperti di Nasa e Esa quali sono i fattori che accomunano il pianeta Terra con Saturno.

Le immagini e i dati iniziali sono arrivati un’ora dopo il primo segnale, presso il centro Deep space network del Goldstone Complex, un’antenna satellitare enorme che si trova nel deserto del Mojave, in California.

I numeri della sonda Cassini nel suo viaggio spaziale

Cassini è partita quasi 20 anni fa e 13 li ha passato nell’orbita di Saturno, avvicinandosi sempre di più attraverso gli anelli. A oltre un miliardo di chilometri da casa, Cassini è rimasta in silenzio per tutto questo tempo per risparmiare energia. Oggi ha “chiamato” e ha annunciato il suo arrivo a 3.000 chilometri dall’anello più stretto, il D.

Con una velocità di 120.000 chilometri orari, si è avvicinata a 300 chilometri dall’atmosfera e ora dovrà continuare a roteare attorno al pianeta raccogliendo i frammenti di meteore che la stanno colpendo continuamente, proteggendosi con l’antenna che oltre a funzionare da scudo, invia le informazioni raccolte finora. Sono 22 le fasi previste per la sua missione, e questa è solo la prima.

Fino a settembre la fase più importante e pericolosa

Da oggi fino a settembre, la sonda dovrà raccogliere informazioni sui gas presenti nel pianeta, oltre a studiare i fenomeni naturali e cercare di capire a che velocità gira l’asse del piccolo pianeta. La missione dovrebbe concludersi il 15 settembre, giorno in cui Cassini si lancerà al centro del pianeta, quasi sicuramente distruggendosi nell’impatto. Anche in quell’ultima corsa, però, continuerà a mantenere il contatto con la Terra, fino a quando potrà.

Il video del “tuffo” di Cassini e le immagini sono di Repubblica.it.

Via

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: