Cavallucci marini pigmei

Cavallucci marini pigmei, una nuova scoperta

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

La vita sulla Terra (e non) è una meraviglia di inestimabile valore. Alcune delle forme di vita più interessanti sono quelle marine. Non a caso in questo articolo vogliamo parlarvi dei cavallucci marini pigmei e una nuova scoperta avvenuta in Africa.

Cosa sono i cavallucci marini pigmei

Prima di parlarvi della nuova scoperta, vogliamo spiegarvi brevemente cosa sono i cavallucci marini pigmei.

Un cavalluccio marino pigmeo è un pesce che appunto ricorda la conformazione di un cavallo. A differenza dei classici cavallucci marini, quelli pigmai hanno maggiori tubercoli (una sorta di “piccole protuberanze”) di vari colori sul proprio corpo. Queste protuberanze servono ad aumentare la mimetizzazione degli stessi cavallucci marini pigmei.

Di norma questi cavallucci marini vivono nelle barriere coralline dell’Oceano Pacifico e dell’Australia ed anche nelle zone tropicali dell’Indonesia, della Papua Nuova Guinea, delle Filippine, delle Isole Salomone, della Malesia e piccole tracce ai Caraibi.

I cavallucci marini di questo genere hanno dimensioni molto piccole, infatti i suoi esemplari hanno dimensioni massime di circa 2 centimetri.

Di recente, però, sono stati scoperti dei cavallucci marini pigmei completamente sconosciuti nella costa orientale del Sudafrica. Una scoperta che ha lasciato sbigottiti i biologi marini.

La scoperta dei meravigliosi cavallucci marini pigmei africani

La scoperta di questa nuova specie di cavallucci marini è avvenuta quasi per caso.

Nel 2017 l’struttrice subacquea Savannah Nalu Olivier, mentre osservava tranquillamente dei frammenti di alghe sul fondale marino, scoprì, per puro caso, questa nuova specie di cavalluccio marino pigmeo. Nel Sodwana Bay.

Immediatamente Olivier condivise le foto del nuovo cavalluccio marino con i suoi colleghi. Nel 2018 Olivier, poi, si immerse nel Sodwana Bay col biologo marino Richard Smith e il collega del biologo marino Louw Claassens, per prelevare dei campioni di questa nuova specie marina ed analizzarli. Dopo attente analisi si è potuto constatare che il cavalluccio marino pigmeo africano è una nuova specie di questa tipologia di animali. Lo studio di questa scoperta è stato pubblicato il 19 maggio 2020 sulla rivista scientifica ZooKeys.

Le caratteristiche di questi nuovi ed affascinanti cavallucci marini

Questa nuova specie di cavallucci marini probabilmente si è spostata nelle zone Sudafricane, distaccandosi dai suoi cavallucci marini antenati, circa 12 milioni di anni fa. Infatti, come spiegato prima, questi pesci vivono in zone tropicali e trovarli in Sudafrica è, come spiega Richard Smith, “come trovare un canguro in Norvegia”. Ma la vita è talmente misteriosa e mutevole che effettivamente quei cavallucci marini si sono stanziati in Africa; altri esemplari simili scoperti lontani dall’habitat classico sono stati scovati in Giappone.

Questa nuova specie è simile ai classici cavallucci marini pigmei. Infatti ha una sola fessura branchiale sulla parte superiore del dorso (un mistero che accomuna questa specie di cavallucci marini. Infatti i normali cavallucci marini hanno due fessure branchiali sotto la testa. Nei cavallucci marini pigmei è presente una sola fessura branchiale, tralaltro sul dorso, probabilmente per motivi di mimetizzazione). I nuovi cavallucci marini pigmei si cibano prevalentemente di piccoli crostacei, come fanno i normali cavallucci marini pigmei.

Una nuova e misteriosa specie

Ciò che differenzia i cavallucci marini pigmei africani da quelli classici è che quelli africani preferiscono ambienti sabbiosi, vivendo facilmente in ambienti pieni di alghe e ciottoli e non in ambienti corallini.

Inoltre ha due strutture simili ad “ali” sul dorso, la cui funzione resta ancora un mistero; probilmente sono utilizzate per facilitare o equilibrare il movimento. Hanno anche delle minuscole spine appuntite sul corpo, nei classici cavallucci marini queste spine sono a punta piatta. Anche la funzione di queste spine è un mistero, probabilmente vengono utilizzate nel periodo di riproduzione, oppure per intimorire eventuali predatori o per l’equilibrio termico.

Tutte caratteristiche insolite probabilmente nate per adattarsi all’habitat africano.

La scoperta di questi bizzarri pesci pigmei è davvero interessante e dimostra quanto poco conosciamo della vita e soprattutto della vita marina. Chissà quante altre specie animali e cavallucci marini esistono negli oceani. Ovviamente gli studi vanno avanti su questi cavallucci marini pigmei africani e sicuramente capire anche di più sul più grande tesoro dell’universo chiamato vita.

 

Fonte immagine: Reff Builders

Ti potrebbe interessare leggere questo nostro articolo:

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24