Certificazione impianti termici

Certificazione impianti termici, novità nel Pescarese

 

Certificazione impianti termici, novità nel Pescarese. Nel capoluogo adriatico posto essere il nuovo regolamento provinciale

Riscaldamento ed il raffrescamento degli ambienti, novità nell’ambito della certificazione impianti termici in quel di Pescara e provincia.

A luglio 2020 la Regione Abruzzo aveva emanato il nuovo Regolamento Regionale riguardante l’utilizzo ed i controlli degli impianti termici; mandando quindi in pensione la precedente Legge Regionale n° 17/2007.

La Provincia di Pescara è altresì la prima delle quattro province abruzzesi che ha conformato il proprio regolamento provinciale a quello Regionale recependolo nella recente seduta del Consiglio provinciale di fine gennaio.

Lo rende noto Confartigianato Imprese Pescara, che sta organizzando un nuovo webinar gratuito per illustrare tutte le novità agli operatori.

Nel dettaglio dunque, il nuovo regolamento prevede nuove scadenze per la certificazione degli impianti termici; ovvero per le caldaie domestiche nuove occorre eseguire la certificazione dell’impianto all’atto della prima accensione per poi ripeterla dopo quattro anni, sempre nello stesso mese in cui è avvenuta la prima accensione.

Decorsi poi i quattro anni la certificazione dell’impianto deve essere ripetuta ogni due anni sempre nello stesso mese in cui è avvenuta la prima accensione.

Invece per tutte le caldaie domestiche già in funzione all’atto dell’entrata in vigore nel mese di gennaio del nuovo regolamento provinciale resta la cadenza biennale della certificazione; essa però deve essere eseguita sempre nello stesso mese ogni due anni.

Stesso discorso vale per le centrali termiche che però devono rispettare la cadenza annuale della certificazione.

Un’altra importante novità in vigore dallo scorso 1° febbraio è la riduzione del costo del bollino biennale per la certificazione delle caldaiette domestiche

Infatti, Provincia e Ambiente S.p.A., ha presentato un piano industriale che contiene la riduzione del costo del bollino biennale.

Dall’inizio del mese di febbraio cioè per certificare l’impianto termico domestico con potenza inferiore a 35 kW il costo del bollino è pari 14 euro.

È possibile infine richiedere la copia integrale del nuovo Regolamento scrivendo a categorie@confartigianato.pe.it.

 

Articoli simili: Riscaldamento domestico e PM10

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere informato iscriviti al nostro Canale Telegram o
seguici su Google News
.
Inoltre per supportarci puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, se vuoi
segnalare un refuso Contattaci qui .


Autore dell'articolo: Francesca DI Giuseppe

Francesca Di Giuseppe, nata a Pescara il 27 ottobre 1979, giornalista e titolare del blog Postcalcium.it. Il mio diario online dove racconto e parlo a mio della mia passione primaria: il calcio Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Teramo con una tesi dedicata al calcio femminile. Parlare di calcio è il mezzo che ho per assecondare un’altra passione: la scrittura che mi porta ad avere collaborazioni con diverse testate giornalistiche regionali e nazionali.