chernobyl liquidatori

Chernobyl, “liquidatore” eroe si suicida dopo aver visto la serie tv

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Chernobyl: si toglie la vita dopo aver visto la miniserie della HBO

“Abbiamo visto tutti la serie di Chernobyl. Papà guardava e ricordava con tale dolore tutti quei momenti che avevano dovuto affrontare. C’erano lacrime nei suoi occhi mentre guardava “Chernobyl”. Lo rivela la figlia al Daily Mail.

La ragazza, Gaukhar Zhusupov, è una dei cinque figli dell’operaio Nagashibay Zhusupov che lo scorso giugno ha perso tragicamente la vita. È infatti precipitato da un palazzo di cinque piani ad Aktobe, in Kazakistan.

Gli amici e i familiari, come dichiarato al quotidiano britannico, sono certi che Zhusupov si sia effettivamente gettato dall’edificio, in preda alla disperazione.

Nagashibay Zhusupov, 61 anni e originario del Kazakistan, era un contadino di 28 anni quando fu reclutato dal governo come “liquidatore” dopo il disastro nucleare.

In un’intervista prima della sua morte, Zhusupov ha dichiarato: “Nessuno ci ha detto perché ci hanno chiamato (per lavorare a Chernobyl). All’epoca lavoravo come conducente di trattori”.

I “liquidatori” sono quegli operai che per primi furono chiamati ad intervenire per limitare la diffusione delle radiazioni dopo il disastro di Chernobyl.

Gli amici hanno dichiarato che il 61enne soffriva di vari problemi di salute causati dall’esposizione alle radiazioni nucleari. Trascorreva molto tempo in ospedale e soffriva continuamente di pesanti mal di testa e crolli continui. Ma, affermano, ad averlo ucciso è stata la depressione.

Molti veterani di Chernobyl hanno ottenuto l’alloggio e aumentato le pensioni dai governi degli stati dell’ex Unione Sovietica, Ucraina, Russia, Bielorussia e Kazakistan, ma Zhusupov si è sentito “ingannato”, dicono gli amici.

Zhusupov ha infatti sofferto per tutta la sua vita a causa dell’ingratitudine riservatagli dal governo. “Viveva in povertà, senza una vera casa”. 

Nonostante fu uno dei primi ad accorrere e a rischiare la propria vita per tentare di rimediare agli errori fatali di terze parti, all’eroe è stato assegnato un angusto dormitorio in un ostello, “troppo piccolo” per sé, sua moglie e cinque figli. Per anni aveva chiesto lo stesso tipo di appartamento fornito dallo stato ad altri veterani di Chernobyl, che riteneva gli fosse dovuto in cambio del suo sacrificio. Eppure, dopo dieci anni di attesa, scoprì che il suo nome era stato “cancellato”, lasciandolo distrutto.

Dopo aver prestato servizio a Chernobyl non solo non ottenne il congedo e una pensione adeguata. Fu anche obbligato a prestare servizio al campo di prova di Semipalatinsk, a testare armi nucleari.

Come ringraziamento gli concessero una pensione di £ 35 a settimana. Per tutta la sua vita Zhusupov è stato costretto a sopravvivere, con moglie e cinque figli, con £ 140 al mese.

Per la figlia e gli amici è evidente che per “l’eroe liquidatore” rivivere quei terribili momenti e l’umiliazione subita è stato un colpo troppo duro da sorreggere.

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24