Come evitare i danni dell’esposizione al sole dopo il Lockdown

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

I raggi del sole  apportano innumerevoli benefici a muscoli e articolazioni, favorendo in modo naturale il rilassamento muscolare e la mobilità del corpo. É bene non esagerare con l’esposizione al sole, onde evitare spiacevoli conseguenze, dunque come evitare i danni dell’esposizione al sole dopo il Lockdown?

Esposizione al sole, raggi ultravioletti e malattie della pelle

Dopo lunghissimi mesi di chiusure, la situazione é in netto miglioramento e piano piano torniamo ad appropriarci della nostra vita. La voglia di uscire e di recuperare il tempo perso, potrebbe portarci ad abusare delle ore di sole e ad esporci ad un rischio elevato per la nostra salute. Il rischio maggiore é quello di sviluppare un tumore della pelle. A catalizzare il rischio di cancro della pelle vi è l’esposizione al sole durante le ore di punta (tra le 12 e le 15), i cui raggi possono essere assorbiti dal DNA delle cellule e danneggiarle, innescando mutazioni e alterazioni genetiche. Se gli efficienti meccanismi di riparazione o eliminazione cellulare non funzionano, queste cellule mutate possono farci ammalare di cancro.

Quali sono i danni del sole relativamente alla sovraesposizione in orari di picco solare?

I più frequenti tumori maligni della cute sono il carcinoma basocellulare e il carcinoma spinocellulare, anche definiti genericamente “epiteliomi”. I carcinomi sono molto diffusi nella popolazione ma raramente si espandono ad altri organi.

Ore migliori per abbronzarsi, come evitare i danni dell’esposizione al sole dopo il Lockdown?

Cerchiamo di non esporci al sole nelle ore piú calde e se dobbiamo farlo, utilizziamo le creme con protezioni più alte. Bisogna tenere protette le aree piú sensibili del nostro corpo ed il viso. La crema solare va applicata ogni 4-5 ore e durante tutto l’arco della giornata. Evita di utilizzare protezioni solari degli anni precedenti parzialmente utilizzate: la loro efficacia è, infatti, legata alla stabilità del filtro che, per ragioni chimico-fisiche, ha una durata limitata e alla loro corretta conservazione. Anche i nostri occhi si sono disabituati alla luce del sole, pertanto si raccomanda l’uso degli occhiali da sole.

Massima attenzione per i farmaci fotosensibilizzanti (anticoncezionali, antibiotici, antinfiammatori ecc.), dopo averli assunti, è sempre meglio utilizzare una protezione molto alta.
Per quanto riguarda l’alimentazione, le regole sono le classiche della bella stagione, bere molta acqua e mangiare leggero.

Con alcune semplici regole, potremo tutti tornare a vivere un’estate quanto piú normale possibile.

 

 

Fonte immagine: ohga.it

 

Autore dell'articolo: Stefano De Iuliis

Sono un ragazzo di 29 anni con una grande passione per la scrittura e web writing. Ho una pagina instagram dove pubblico le mie poesie: @poeta_di_cemento