Cometa P67

Cometa P67 e la sua particolare struttura

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Lo spazio è un insieme di tesori e meraviglie di inestimabile valore. È un insieme di vita e morte, che crea un equilibrio affascinante, ma allo stesso tempo in continua evoluzione. Recentemente una scoperta sulla già nota cometa P67 ha gettato una nuova luce sulla loro struttura, rendendole ancor più spettacolari e misteriose. Ma vediamo prima cosa è una cometa.

La cometa P67

Questa cometa, chiamata P67, è stata inizialmente scoperta l’11 settembre 1969. Ma solo di recente, grazie alla famosissima sonda Rosetta, si è potuto capire di più sulla cometa P67.

Stando a recenti studi fatti da un team italiano formati da studiosi dell’Università di Trieste e dell’Università di Padova questa cometa ha una struttura molto rigida, dimostrata da alcune deformazioni. In parole povere si è scoperto, tramite i dati inviati dalla sonda Rosetta, la struttura interna di questa cometa; utilizzando analisi, modelli e ricostruzioni tridimensionali. La cometa in questione è costituita quindi da più strati dando vita ad una struttura rigida e no porosa come si pensava, originata dalla collisione tra due comete. Infatti la cometa P67 ha una forma bizzarra e a prima vista si può dedurre facilmente un’unione tra due comete principali. Gli studiosi hanno anche capito che la collisione tra le comete che hanno formato l’unica cometa P67 ha dato origine ad un’unione letteralmente rigida. In poche parole le due comete si sono fuse insieme con le loro strutture intatte.

Cosa è una cometa

Le comete sono tra i corpi celesti più belli dell’universo. Sono formate prevalentemente da rocce, metalli e gas ghiacciati (come per esempio acqua, anidride carbonica e metano). Sono oggetti che si creano nelle zone più fredde dei sistemi planetari e dello spazio. Non a caso la differenza tra un asteroide e una cometa, seppur simili, è che le comete sono ghiacciate.

Le comete sono caratterizzate da orbite relativamente lunghe e particolari. Infatti le orbite di alcune comete durano qualche anno fino a centinaia, migliaia e milioni di anni. Dipende tutto dalla zona in cui si trovano e dalla loro massa.

Altra caratteristica spettacolare delle comete è la famosa chioma. Infatti le comete sono caratterizzate proprio da questa chioma. Si forma perché i gas ghiacciati delle comete, con il progressivo avvicinamento ad una stella o una fonte di calore, sublimano. La sublimazione è il passaggio di stato della materia da solido a gassoso. Nelle comete avviene con una certa facilità perchè i gas ghiacciati che la compongono sono volatili, ovvero che vengono portati facilmente allo stato gassoso. Sembra strano, ma lo stato base dell’acqua è gassoso, sul nostro pianeta è liquida perché subisce gli effetti della pressione atmosferica, ma se mettessimo un bicchiere di acqua in una pompa a vuoto, inizierà ad andare in ebollizione senza nessuna fonte di calore, perché appunto lo stato base dell’acqua è quello gassoso.

Qui un video di questo fenomeno: youtube https://www.youtube.com/watch?v=GjA382cDuaw

La fine di una cometa

Una cometa può avere due possibili conclusioni. Nel primo caso, quando raggiungere il perielio (ovvero la minima distanza da una fonte di calore o un altro corpo celeste) ed ha una massa relativamente piccola, una cometa si disgrega completamente oppure conclude i suoi gas volatili ghiacciati diventando poi un asteroide. Se la sua massa e la quantità di gas ghiacciati è maggiore, una cometa raggiunge il perielio e ricomincia la sua orbita, ritornando poi nel perielo dopo aver completato la medesima orbita e successivamente continuare ad orbitare o disintegrarsi. In ogni caso dipende dalla sua massa. Seppur in modo raro, una cometa può schiantarsi su un pianeta ed essere estremamente pericolosa.

Dopo aver spiegato come funzionano le comete, parliamo della cometa P67 e una sua incredibile caratteristica.

La rigidità delle comete

Le comete che hanno formato la cometa P67 si sono unite comportandosi come due corpi rigidi. Ciò stravolge le normali conoscenze sulle comete perché si pensava che quest’ultime avessero una struttura molto morbida e porosa; e quindi un’eventuale collisione avrebbe fatto fondere i due corpi stravolgendo le loro strutture. Mentre nel nostro caso i due corpi celesti si sono semplicemente attaccati uno vicino all’altro, e questo fenomeno è avvenuto grazie all’azione legante delle sostanze organiche e del ghiaccio presente nelle comete. Ciò indica indubbiamente che le comete non sono così fragili e porose come sembramo, ma molto più solide.

Conclusioni astronomiche

In conclusione bisogna dire che questo studio ha evidenziato che le comete hanno una struttura diversa da come si pensava. Ovviamente bisogna studiare ulteriormente questi corpi celesti meravigliosi ed eleganti per capire effettivamente come sono fatti, del resto la stessa conoscenza è in continua evoluzione. Forse non tutte le comete sono rigide come quella di questo articolo, oppure tutte sono rigide, è tutto da vedere, ma andrebbero ulteriormente studiate e categorizzare anche in base alla loro struttura, morbida o rigida che sia.

La cometa P67 è stata al centro dell’attenzione anche nel settore ufologico; infatti dei misteriosi suoni sono stati rilevati da questa cometa e varie anomalie sul suo suolo (evidenziando anche una possibile postazione artificiale) possono spiegare l’origine di questo suono anomalo, probabilmente di origine extraterrestre. Ecco un’immagine di una possibile struttura artificiale su questa cometa:

In questo video potete sentire questi misteriosi suoni: youtube https://www.youtube.com/watch?v=t2MmsezdHoo

Ma non finisce qui, questa cometa è divenuta famosa anche perché sono state trovate su di essa sostanze utili per la nascita della vita.

In ogni caso questa cometa è molto misteriosa, ed è una miniera d’oro di informazioni per quanto riguarda l’astronomia, l’astrofisica, l’ufologia, l’astrobiologia e lo studio di vita aliena.

La missione Rosetta si è conclusa da un bel po’ di tempo, ma la cometa P67 merita ulteriori studi perché può riservare moltissime sorprese, sorprese che stanno già stravolgendo le nostre attuali conoscenze.

 

Fonte immagine: DDAY

Ti potrebbe interessare leggere questo nostro articolo:

Autore dell'articolo: Redazione Webmagazine24