Meteorite marziano

Un meteorite marziano e le tracce di vita

         
Iscriviti al Feed di Webmagazine24.it intopic.it feedelissimo.com Segnala a Zazoom - Blog Directory
 

Lo spazio continua a stupire con nuove ed eclatanti scoperte. Tra vita e morte l’universo è in equilibrio ma allo stesso tempo in continua evoluzione e movimento. Una delle meraviglie più immense del cosmo è la vita, il vero tesoro dello spazio. E proprio per collegarci alla vita, di recente, analizzando un meteorite marziano, si sono scoperte possibili tracce di vita tramite l’azoto. Ma vediamo prima cosa è un simile meteorite.

Cosa è un meteorite marziano

Come facilmente intuibile dal nome, un meteorite marziano proviene da Marte. Ma come è possibile che un frammento del quarto pianeta del sistema solare arrivi sul nostro pianeta? La risposta è semplice.

In pratica il pianeta Marte viene spesso bombardato da meteoriti, che, con la loro energia, provocano il distacco di rocce marziane nello spazio aperto. In seguito questi asteroidi marziani vengono attratti dai pianeti e diventano meteore o meteoriti. Alcuni di essi possono essere recuperati sul suolo del nostro pianeta e successivamente studiati, collezionati o analizzati. Ovviamente analisi iniziali devono confermare la natura marziana del meteorite. È analoga la spiegazione anche per i meteoriti lunari.

È palese che rispetto ai classici meteoriti, quelli marziani e lunari sono molto più rari, ma esistono e sono estremamente affascinanti. E sono ancor più affascinanti se nascondono possibili tracce di vita.

Il meteorite marziano e la vita aliena

Di recente un team di ricerca, coordinato dall’Istituto di Tecnologia di Tokio, ha analizzato un meteorite marziano, tramite alcune tecniche e la spettroscopia EXAFS. Gli studiosi hanno scoperto l’incredibile presenza di azoto, indizio di una presenza di vita marziana, passata o attuale.

Il meteorite in questione si chiama Allan Hills (Alh) 84001, ed è stato trovato in Antartide nel 1984.

L’azoto presente nel meteorite marziano ha all’incirca un’età di 4 miliardi di anni. Ovviamente, prima di confermare l’origine marziana di quell’azoto, il meteorite è stato sottoposto ad alcune tecniche per pulirlo da contaminazioni terrestri; utilizzando anche un fascio di ioni, una sorta di “laser pulitore”. In seguito la presenza di azoto è effettivamente marziana. Ciò può indicare la presenza di vita su Marte, passata. Non a caso l’azoto è essenziale per la vita, e con assoluta certezza su Marte è esistita e qualche forma è potuta sopravvivere anche ai giorni nostri.

Conclusioni marziane

Per concludere questo articolo bisogna dire che questa scoperta è importantissima. Dimostra che Marte può essere un pianeta abitabile ed ha tutte le carte in regola per esserlo stato.

Probabilmente, come citato poco fa, la vita su Marte è esistita sia in passato sia adesso tramite qualche piccola traccia residua. In ogni caso l’esistenza di vita extraterrestre è più che veritiera, ma per vari motivi viene tenuta nascosta, inoltre negarla è una grande forma di egoismo; sapendo anche che già solo queste prove scientifiche stanno portando a confermarla.

Non ci resta quindi che attendere ulteriori notizie, ma allo stesso tempo capacitarci che esiste vita oltre a noi nello spazio, pensarlo non è una follia ma un qualcosa di estremamente giusto.

 

Fonte immagine: Global Science

Ti potrebbe interessare leggere questo nostro articolo:

Per favore supportaci e metti mi piace!!

Autore dell'articolo: Gioacchino Savarese

Avatar
Gioacchino Savarese nasce il 26 maggio 1995 a Nocera Inferiore. Fin da subito è appassionato di misteri, scrittura e scienza. Le sue passioni e i suoi sogni si sono materializzati il 16 maggio 2015 con la creazione del Blog intitolato "I Misteri Del Mondo e Dell'Universo", inoltre ha un canale You Tube (adesso chiamato Specialid) e una Pagina Facebook omonimi. Inoltre ha pubblicato un libro il 19 luglio 2017 intitolato "I MISTERI DELLA VITA NELL'UNIVERSO". Il 27 giugno 2019 ha pubblicato il suo secondo libro: DIARIO DI UN SOLDATO. Il 30 ottobre 2019 ha creato il suo nuovo blog, chiamato Specialid, anche la sua pagina Instagram si chiama Specialid. Continua tuttora la sua ricerca nel mistero, nelle sue attività e a scrivere.